Fabio Rovazzi diventa un fumetto. Sarà Paperazzi nel nuovo numero di Topolino

Fabio Rovazzi diventa un fumettoROMA – La musica, il cinema e ora anche il mondo di Topolino. Fabio Rovazzi diventa un fumetto. Lo youtuber, che sarà al cinema dal prossimo 18 febbraio con Il Vegetale, si trasforma in Paperazzi nella cover del settimanale.

Fabio Rovazzi diventa un fumetto e gira il suo film a Paperopoli

Rovazzi in versione papero sarà protagonista delle 4 storie raccontate nel numero in edicola dal 17 gennaio. A scriverle Francesca Agrati e a disegnarle Alessandro Perina. Nelle pagine del fumetto Paperazzi si reca a Paperopoli per girare il suo ultimo film. Come è prevedibile, le storie sono piene di incontri e avvenimenti esilaranti.

Dai fan pronti a tutto per un selfie mosso sul set con il proprio idolo ai tanti imprevisti che fanno arrabbiare il regista. Tra una ripresa e l’altra, Rovazzi, troverà anche il tempo di andare, trasportato da un trattore, a trovare Nonna Papera che gli farà ricordare il minestrone che da piccolo era costretto a mangiare. Non manca neppure Paperino che, con una delle sue proverbiali “perle di saggezza”, interrompe l’intervista di Paperazzi con gli studenti.

L’intervista al Rovazzi in carne e ossa

Nel numero di Topolino in edicola il 17 gennaio, i fan troveranno anche uno spazio dedicato al Fabio Rovazzi in carne e ossa con un’intervista esclusiva sul nuovo film Il Vegetale, a cura di quattro giovani Toporeporter di Topolino, in cui racconta un po’ di sé e del dietro le quinte del suo debutto cinematografico.

“Chi se lo sarebbe aspettato che un giorno sarei entrato nella famiglia dei Paperi? – ha detto Fabio Rovazzi dell’inedita esperienza nel fumetto – È un grande onore essere diventato un paperopolese e aver incontrato dei Toporeporter curiosi e volenterosi. Sono contento di aver mostrato loro una parte della mia vita sul set che è una delle cose che amo di più. Vi aspetto tutti al cinema!”.

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it