attualita

Pasto sopeso, il primo compleanno con Chef Rubio e Erri De Luca

ROMA – Un anno di pasto sospeso. Un anno in cui sono stati distribuiti 3000 pasti ai migranti accolti da Baobab Experience e a tutte le persone del territorio che affrontano difficoltà. Tante persone che hanno trovato nella Casetta Rossa un nodo solidale a loro vicino.

Nato lo scorso febbraio dalla collaborazione tra la Casetta Rossa, la Fondazione Erri De Luca e Chef Rubio, il pasto sospeso consiste nella possibilità di offrire uno o più pasti, ognuno del valore di 5 euro, a chi vive in difficoltà economiche.

Il progetto riprende la tradizione del ‘Caffè Sospeso’ dei bar di Napoli che consentiva di offrire un caffè a chi non poteva permettersi di pagarlo e, in tempi di crisi economica, si trasforma nel dono di un vero e proprio pasto con l’obiettivo di contribuire a migliorare le condizioni di vita delle migliaia di persone che attraversano Roma o che in città vivono in situazioni di disagio.

Un evento per scoprire come la lotta al disagio e alla povertà passi per la condivisione, l’inclusione e ‘la buona tavola’.

Una giornata in compagnia di chi, ogni giorno, lavora per abbattere le barriere dell’esclusione e fa della propria notorietà uno strumento per diffondere i valori dell’integrazione, del rispetto e dei diritti.

Pasto sospeso, la fotogallery

20180203_115227 20180203_121053 20180203_121726 20180203_121727 20180203_121731(0) 20180203_121731 20180203_121733 20180203_122410 20180203_124339 20180203_125305 20180203_131437 20180203_131917 20180203_131926 20180203_131932 20180203_135316
<
>

Per questo primo compleanno Erri De Luca e Chef Rubio tornano alla Casetta Rossa: un momento per fare un bilancio e per vedere nuovamente lo scrittore e il cuoco assieme ai fornelli. Assieme a loro anche Lorenzo Leonetti del Grandma Bistrot e i suoi ragazzi del corso di gastronomia del Cies Onlus.

Il menù? Una zuppa di legumi propria della tradizione mediterranea, e una pasta corta con carota, sedano, cipolla, aglio e basilico, uno sfizio chiamato ‘il sugo senza fuoco’ e un secondo di carne.

Questo è un progetto che da Roma si è poi internazionalizzato, proprio grazie all’impegno dello scrittore e dello Chef che lo hanno portato il primo negli Usa e in Francia attraverso i suoi racconti e il secondo in Medio Oriente in occasione dell’inaugurazione di un locale di ristorazione italiana a Dubai che lo ha adottato come prassi di solidarietà made in Italy, inserendolo nel registro di cassa alla voce ‘Pasto Sospeso’. L’iniziativa prosegue con successo.

Pasto Sospeso, parla Chef Rubio

“Pensavamo venissero meno persone e ne sono arrivate il triplo di quelle che ci aspettavano e questo vuol dire che o siamo noi impreparati o sono loro generosi, dobbiamo ancora capire un attimo questa cosa”, ha detto Chef Rubio ai microfoni di diregiovani.it

“Sto preparando una zuppa di legumi che raccoglie la cultura italiana e mediterranea e i tanti ragazzi che la assaggeranno spero che potranno riconoscere la loro terra in questo piatto – ha specificato -. Oggi abbiamo dimostrato che non esiste solo lo squadrismo, ma esiste anche l’associazionismo quindi più persone si uniscono per cose positive più cose positive potremmo ottenere per il prossimo futuro. Non faccio più affidamento da tanto tempo alle belle parole e ai bei propositi dello ius soli e compagnia cantante, per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani, l’inclusione di tutte le minoranze e tutte quante le situazioni che riguardano i più deboli preferisco dare il mio contributo sul campo con questi ragazzi e diffondere il verbo dal basso a prescindere dalla politica che tanto poi in fondo fa sempre come gli pare”.

Pasto Sospeso, De Luca: Qui seminiamo ma c’è chi vorrebbe desertificare

“Noi siamo continuamente spinti tra chi vuole fare un deserto di questa società e chi vuole seminare dentro questa società. Con questo pasto sospeso abbiamo seminato finora più di 3300 pasti offerti dai romani a quelli che non se lo possono permettere e che non si devono vergognare perché c’è un posto dove loro possono chiedere: Qualcuno ha pagato un pasto per me? C’è un pasto sospeso per me? E qui rispondono sì! In queste elezioni non si parla affatto di politica, cioè di quello che interessa a questo Paese. Per esempio nel 2018 si spenderà un 4% in più di spese militari e non c’è nessuno che dice che questo fa schifo, che questo è un rubare soldi alla vita civile dell’Italia. Nelle liste elettorali hanno fatto fuori molti esponenti di grandi battaglie, ma non importa perché l’importante è che ne spuntino fuori sempre di nuovi e ne rispunteranno”, ha affermato Erri De Luca.

Pasto Sospeso, per Casetta Rossa è un bilancio positivo

“Un bilancio positivo! Posso darvi qualche dato che però non racchiude la nostra felicità”, ha detto Maya Vetri di Casetta Rossa.

 

“I pasti donati sono stati circa 3300 a fronte di circa 1000 donazioni in meno, dal punto di vista economico sta andando bene, ma potremmo fare meglio. Il compleanno è anche per rilanciare un po’ questa iniziativa. Offriamo settimanalmente pasti a circa 100 persone del baobab e in più ci sono persone del territorio, famiglie principalmente, che usufruiscono del pasto sospeso solitamente a pranzo durante la settimana – ha specificato – Noi puntiamo a diffondere il più possibile questo progetto, vorremmo fare in modo che questo diventi un luogo di accoglienza, infatti, oltre il pasto sospeso organizziamo diversi attività volte all’inclusione sociale. Noi vogliamo essere un luogo dell’accoglienza a tutto tondo dal pasto sospeso alle attività, c’è un corso di italiano attivo tutti i giorni per stranieri gestito da volontari che non fanno solo lezione, ma gli fanno conoscere anche questa città, e questo è fondamentale perché per noi l’accoglienza significa anche scambio e diffusione dell’identità promuovendo la cosiddetta integrazione”.

Pasto Sospeso, ricevere e donare con dignità 

“Ormai da due anni va avanti questo corso di gastronomia del Cies che ha formato fino adesso 60 ragazzi con un ottimo risultato. Siamo intorno al 40% di inserimenti effettivi dei ragazzi che vengono inquadrati come tirocinanti per poi essere seguiti fino a quando non realizzano il loro sogno rimanendo indipendenti al mondo del lavoro. A Casetta Rossa oggi collaboriamo perché quello che ci sembra giusto è questa condivisione dei valori di comunità territoriale, questo è un luogo che decide di aprirsi a tutta la comunità del territorio e di ricevere e donare per fare in modo che chi poi riceverà questo pasto si sentirà in grado di riceverlo con dignità”,  sono le parole di Lorenzo Leonetti, Grandma Bistrot.