Si chiamano Viito e con il singolo d’esordio spopolano sul web

Tra pop e canzone d’autore il brano “Bella come Roma” è rimasto in vetta alla classifica Viral 50 Italia per una settimana intera

Roma – “Bella come Roma, stronza come Milano” è da un paio di settimane il ritornello che rimbalza su Spotify da una playlist all’altra, portando per la prima volta all’attenzione di tutti il nome dei Viito, il nuovissimo nome di casa Sugar. Viito sono Vito e Giuseppe, cantautori ventenni e fuorisede del Sud, nati artisticamente da poco più di un anno. Si distinguono per la l’ironia e la leggerezza con cui cantano, un modo apparentemente menefreghista, da voce trascinata, a volte sguaiata eppure così comunicativa. I testi semplici e malinconici trasportano nel mondo dei Viito fatto di calcio, pop italiano anni 80 e 90, chitarre, birre, solitudini, ascolti sotto la doccia, ginocchia sbucciate, karaoke, pranzi della domenica, donne da amare. 

Il loro singolo d’esordio, Bella come Roma, rimasto in vetta alla classifica Viral 50 Italia per una settimana intera, è una fotografia dei nostri giorni. Un uomo spericolato e romantico ma un po’ in crisi, una donna sempre più emancipata e difficile da afferrare. Treni, messaggi visualizzati e senza risposta, bulimia di immagini da social network. Roma e Milano come due facce della stessa medaglia, un’Italia bella e stronza che i Viito raccontano, subiscono e amano. Vasco Rossi cantava della ragazza acqua e sapone in Albachiara, una generazione dopo i Viito scrivono “con la faccia pulita, vorrei tagliarti la strada, bruciarti la scuola e avvelenarti la mela“.

Viito – Bella come Roma