Sanremo visto da noi: l’articolo di Raoul Reverberi

(L’articolo dello studente Raoul Reverberi nell’ambito dell’iniziativa Sanremo visto da noi)

Questa edizione del festival della canzone si è ormai chiusa. Possiamo quindi tirare le somme: al primo porto si classificano Meta e Moro con “Non mi avete fatto niente”, seguiti da Lo stato sociale con “Una vita in vacanza”, in fondo al podio si piazza Annalisa con “Il mondo prima di te”.

La classifica rispecchia il successo degli artisti nei media. Nonostante l’accusa di plagio, Ermal Meta e Moro erano già tra i favoriti, grazie ad un testo originale e ad una canzone orecchiabile. Lo stato sociale si è meritato il suo successo soprattutto grazie ad uno stile allegro, che ha dato una scossa a queste lunghe serate e ha portato un po’ di indie-pop a San Remo. Annalisa si è assicurata sin dall’inizio un posto in alto alla classifica grazie alle sue brillanti esibizioni.
Stupisce il posto in coda alla classifica di Elio e le storie tese che concludono amaramente l’ultimo festival a cui partecipano come gruppo, meritavano una conclusione migliore, data la loro storia e la loro unicità.

Questa edizione del festival ci ha fatto conoscere un Claudio Baglioni inizialmente un po’impacciato ma che nel giro di due giorni si è “sciolto”, riuscendo a farsi apprezzare dal pubblico. Un Fiorello in formissima lo ha accompagnato nella prima e nell’ultima puntata scaldando gli animi e movimentando la serata con la sua simpatia e le sue esilaranti gag, riportando alla mente di tutti le sue passate comparizioni al festival e facendosi ritrovare proprio come lo ricordavamo.

Michelle Hunziker, nonostante la sua provenienza da programmi comici, che si è fatta sentire nel corso delle serate, ha ammaliato tutti con il suo carattere dirompente, mostrandosi anche in tutta la sua bellezza grazie a vestiti stupendi. Favino l’ha affiancata nella conduzione del programma dimostrando anche le sue capacità da conduttore sorprendendoci piacevolmente.

Che dire; un Festival di San Remo tranquillo, ma pieno di sorprese, che non ha affatto deluso le aspettative. Ha intrattenuto gli italiani per quasi una settimana, riuscendo a riavvicinare migliaia di persone davanti alla tv a godersi per una sera la vera musica italiana, che merita di essere ascoltata e conosciuta da tutti.