L’inno americano di Fergie è troppo sexy: è bufera all’NBA All-Star Game

La cantante ha aperto la serata esibendosi con una versione molto personale di The Star-Spangled Banner.

ROMA – E’ polemica negli USA per l’inno americano di Fergie all’NBA All-Star Game.
La cantante, vincitrice di 2 Grammy Awards nel 2012, ha aperto la serata esibendosi con una versione molto personale di The Star-Spangled Banner.
Dopo la performance i social network sono stati invasi da svariate critiche, alcune piuttosto pesanti.
Il problema di tanto scalpore?
La versione troppo sensuale dell’inno americano.

Fergie Performs The U.S. National Anthem / 2018 NBA All-Star Game

L’inno americano di Fergie nell’occhio del ciclone

L’NBA All-Star Game è un evento sportivo che coinvolge i più grandi protagonisti del basket americano.
Ogni anno, in apertura della serata, una star della musica si esibisce sulle note di The Star-Spangled Banner, l’inno americano.
La performance di Fergie, tuttavia, si è distaccata molto da quelle a cui il pubblico è abituato.

La sensualità con cui ha intonato il brano, e la sua stessa “modernizzazione”, ha suscitato grande clamore mediatico.
Twitter, Facebook e la stessa pagina Instagram della cantante, sono stati invasi da una valanga di commenti negativi.
Le accuse rivolte a Fergie sono le stesse per tutti: il suo inno americano è stato troppo sexy…