L’inno americano di Fergie è troppo sexy: è bufera all’NBA All-Star Game

La cantante ha aperto la serata esibendosi con una versione molto personale di The Star-Spangled Banner.

ROMA – E’ polemica negli USA per l’inno americano di Fergie all’NBA All-Star Game.
La cantante, vincitrice di 2 Grammy Awards nel 2012, ha aperto la serata esibendosi con una versione molto personale di The Star-Spangled Banner.
Dopo la performance i social network sono stati invasi da svariate critiche, alcune piuttosto pesanti.
Il problema di tanto scalpore?
La versione troppo sensuale dell’inno americano.

L’inno americano di Fergie nell’occhio del ciclone

L’NBA All-Star Game è un evento sportivo che coinvolge i più grandi protagonisti del basket americano.
Ogni anno, in apertura della serata, una star della musica si esibisce sulle note di The Star-Spangled Banner, l’inno americano.
La performance di Fergie, tuttavia, si è distaccata molto da quelle a cui il pubblico è abituato.

La sensualità con cui ha intonato il brano, e la sua stessa “modernizzazione”, ha suscitato grande clamore mediatico.
Twitter, Facebook e la stessa pagina Instagram della cantante, sono stati invasi da una valanga di commenti negativi.
Le accuse rivolte a Fergie sono le stesse per tutti: il suo inno americano è stato troppo sexy…