Elezioni. Prima volta alle urne? Ecco come si vota

Tutto quello che c’è da sapere in un breve video

ROMA – Tessere elettorali, documenti d’identita’, matite copiative, schede elettorali. Per neodiciottenni e giovani al primo voto le elezioni del 4 marzo potrebbero trasformarsi in un incubo.

Per non perdersi nei meandri del Rosatellum bis, la nuova legge elettorale in vigore dal 3 novembre 2017, ecco lo speciale di diregiovani.it che guida i ragazzi italiani alle prese per la prima volta con la solitudine da cabina elettorale.

Quindi, come si dice sui social, Keep calm and… leggete la guida in dieci punti dove troverete tutto quello che c’e’ da sapere su Rosatellum e dintorni.

Ma prima di passare al nostro decalogo, e’ prioritaria una premessa. Tutti i giovani fino a 24 anni riceveranno una sola scheda elettorale di colore rosa per votare candidati e liste alla Camera dei Deputati; la scheda gialla, riservata ai candidati al Senato della Repubblica, potra’ stringerla tra le mani solo chi, all’alba del 4 marzo, avra’ compiuto il 25esimo.

Ma torniamo alla guida:

1. Il Rosatellum deve il suo nome ad Ettore Rosato, capogruppo del Pd alla Camera dei Deputati e promotore della legge elettorale.

2. La legge n. 165 del 3 novembre 2017 prevede un sistema elettorale misto: maggioritario (chi vince prende tutto) e proporzionale (i seggi vengono attribuiti in proporzione ai voti ottenuti).

3. Nel Rosatellum e’ previsto il 64% dei collegi plurinominali (per ciascuna lista si candidano e possono essere eletti piu’ candidati), mentre il restante 36% e’ composto da collegi uninominali maggioritari (un solo nome);

4. Esistono due soglie di sbarramento: il 3% per le liste, il 10% per le coalizioni. Chi non supera queste percentuali non entra alla Camera.

5. Il 4 marzo recatevi al vostro seggio di appartenenza muniti di tessera elettorale e documento d’identita’; potrete votare dalle 7 alle 23;

6. Dopo aver registrato il vostro documento e il codice alfanumerico del dispositivo antifrode, gli scrutatori e il presidente vi consegneranno la scheda elettorale e una matita copiativa;

7. Nella cabina elettorale dovrete scegliere tra tre possibilita’ di voto. Il voto di lista: una crocetta sulla lista prescelta; il voto sara’ attribuito alla lista e al candidato del collegio uninominale a cui e’ abbinata. Il ‘doppio voto’: una crocetta su lista e candidato; il voto va al candidato e alla lista del partito che lo sostiene scelta dall’elettore. Il voto al candidato: una crocetta sul candidato; il voto va al candidato del collegio uninominale e a tutte le liste che lo sostengono in misura proporzionale.

8. Non e’ possibile il voto disgiunto: non si puo’ votare un candidato al collegio uninominale e scegliere una lista che non sostiene il candidato, e viceversa.

9. Una volta usciti dalla cabina non dovrete infilare la scheda nell’urna, ma riconsegnarla al presidente, che controllera’ che il codice alfanumerico scritto sul tagliando corrisponda a quello annotato prima della consegna della scheda.

10. Riconsegnate la matita copiativa e ritirate il vostro documento.