Non mi voglio piange addosso ma vorrei un appoggio…

La mia più che una domanda è una richiesta di aiuto.
Credo di aver fatto l’errore più grande della mia vita, ovvero rinunciare ad un contratto a tempo indeterminato per lavorare in una palestra dove faccio tutto fuorché quello che mi era stato detto. Ho deciso l’anno scorso di cambiare lavoro principalmente per un uomo; pensavo che sarebbe stato il meglio per noi ma invece è stato il peggio per me. Credevo di spaccare tutto e invece mi ritrovo a rimpiangere quel lavoro. Ho tanti progetti e pochi soldi in tasca ma in questo momento non riesco a reagire. Continuo a lavorare perché per fortuna c’è ma sento delle mancanze. Non mi sento soddisfatta e questa sofferenza si riflette ovviamente nel rapporto di coppia.
Quest’anno compirò 30 anni e cosa ho concluso nella mia vita? È troppo tardi per me? Forse no, ma non riesco a trovare una via d’uscita; l’unico pensiero è che avrei dovuto prendere delle scelte diverse, ma ormai piangere sul latte versato non serve a nulla. E poi penso che posso farcela ma dopo poco tempo torno di nuovo in un momento di ansia/depressione dalla quale cerco di uscirne facendo finta e sorridendo. Ma non sto bene in questa vita così. Non mi voglio piange addosso ma vorrei un appoggio, una svolta che non arriva. Non posso tornare indietro ma non vedo la luce. Vedo tanta monotonia e un susseguirsi di situazioni in cui accontentarsi.

Sarah, 29 anni


Cara Sarah,
capiamo il tuo stato d’animo, forse è quello che accomuna molti giovani della tua età, con la differenza che forse il tuo treno era passato e lo hai lasciato andare.
Anche se di questo abbiamo dei dubbi, non possiamo sapere se hai rinunciato a un contratto a tempo indeterminato per amore o se quel lavoro forse, in fondo in fondo,  era proprio quello che desideravi. Ora hai capito che non sei del tutto felice, allora prova a fare un’analisi della situazione. Se proprio rimpiangi il tuo vecchio lavoro, perchè non tornarci e chiedere un’altra possibilità? Ancora, che tipo di formazione e competenze hai? Cosa ti piacerebbe fare?
Non sappiamo quanto tempo sei impegnata in palestra, ma compatibilmente alle lezioni potresti focalizzarti su altro e rimetterti in gioco, in fondo sei ancora molto giovane.
Prova a raccontarci qualcosa di più di te.
Un caro saluto!

 

5 marzo 2018