Alternanza scuola-lavoro: l’esperienza degli studenti in Vodafone

MILANO – Alternanza scuola-lavoro per 350 studenti di scuola superiore di Milano. Per un totale di 40 ore di attività, parola chiave: ponte. Un ponte tra professionisti e giovani, tra saperi e aspettative.

E’ il progetto di alternanza realizzato da Vodafone in collaborazione con ThumbsUP (http://thumbsupweb.org/it/home-2/) che ha impegnato decine di gruppi di studentesse e studenti.

Tutti al lavoro su prodotti tecnologici e design di servizi; affiancati da coach e mentor che li hanno accompagnati per tutto il processo, sempre al confine tra formazione e orientamento.

Hanno partecipato al progetto alunni del Liceo Classico Beccaria, dello Scientifico Vittorio Veneto e dell’istituto tecnico Caterina da Siena di Milano.

Alternanza: come produrre un curriculum analizzando punti forza e debolezza

Innanzitutto era fondamentale che, nella formazione di gruppi di lavoro, la distribuzione delle mansioni avvenisse in maniera equilibrata in base alle diverse attitudini e qualità.

E da qui si è incominciato: punti di forza e di debolezza di ognuno, come organizzarli in una visione d’insieme e come produrre un curriculum a partire da esse, oltre alle esperienze e agli interessi personali.

Poi le deadline, il rispetto del lavoro e del contributo degli altri, la presentazione al pubblico; come si sta sul palco, come si tiene il microfono, come si presenta il proprio team, come si passa la parola, come si risponde alle domande, come si ringrazia, si conclude e si esce di scena.

Ma anche le presentazioni, con Power Point o con un video teaser, il piano marketing, e il benchmarking.

“Crediamo molto nell’alternanza scuola lavoro perché i ragazzi possono apprendere non solo il sapere ma anche il ‘saper fare'” spiegano in Vodafone.

Obiettivo raggiunto, a quanto pare. Sul palco del Vodafone Village infatti, il 7 marzo, i gruppi arrivati in finale con i propri progetti di IOT erano spigliati, a loro agio ed evidentemente galvanizzati dal lavoro svolto.

Un dato da evidenziare è anche il successo, tutto al femminile dei team finalisti e di quello vincitore.

Alternanza per scoprire le professioni del futuro 

Tutta la mattinata ha visto alternarsi alle presentazioni degli studenti gli interventi di alcuni professionisti e manager che si occupano di tecnologia e digitale.

Un modo per fornire una specifica riflessione sulle figure professionali che sicuramente avranno sempre maggiore rilevanza nel mondo del lavoro futuro: designer, coder, machine learning expert, developer, etc.

Quelle, cosiddette, professioni digitali che i ragazzi fin da ora devono iniziare a conoscere.

Alternanza è orientamento professionale/universitario

Vodafone offre molteplici iniziative dedicate a giovani e giovanissimi, per dare un’opportunità in più di orientamento, utile ad affrontare il futuro ingresso nel mondo del lavoro e a creare un a ponte con il mondo della scuola.

Tra questi progetti, uno dei più rilevanti – oltre ai più strutturati ‘Vodafone Internship Program’ e ‘Vodafone Discover Program’ – è quello dell’Alternanza Scuola-Lavoro, che ha l’obiettivo di fornire un orientamento professionale/universitario agli studenti attraverso momenti di mentorship e di confronto con l’azienda.

Raccontare l’alternanza scuola lavoro significa restituire un’immagine che è fatta di chiaroscuri: esperienze positive e negative a fronte di un impegno considerevole, ancora una volta sulle spalle di insegnanti e presidi.

Questo è sicuramente un bel caso di arricchimento e di confronto per i ragazzi, per le giovani e i giovani che con tutta probabilità saranno i leader in un futuro nemmeno troppo lontano.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it