libri

Il lato oscuro di Facebook raccontato da Federico Mello

Roma – Tempi duri per il social network più utilizzato al mondo, scandalo Cambridge Analytica a parte, esce oggi in libreria per Imprimatur “Il lato oscuro di Facebook“, pubblicazione che analizza per la prima volta le tecniche usate dal colosso di Zuckerberg per aumentare la dipendenza dei suoi utenti e al tempo stesso sfruttare i loro dati, attraverso la psicologia comportamentale e vari trucchi provenienti dal gioco d’azzardo. A curare il volume è Federico Mello, blogger e giornalista per il Fatto Quotidiano, Huffington Post e autore a Ballarò e Un giorno da Pecora.

Mello spiega nel dettaglio come Facebook agisca, adottando ed estendendo all’ennesima potenza le tecniche utilizzate nel gioco d’azzardo per trattenere i giocatori davanti alle slot machine. “Per avere successo – spiega l’autore – ogni piattaforma o applicazione virtuale deve offrire più ricompense possibili, ma soprattutto, le deve offrire con un altro grado di variabilità e imprevedibilità”. Quando trovano un ‘like’ a un post, quando un contenuto viene condiviso o commentato, gli utenti del social network ricevono una ricompensa e sono spinti a interagire ancora di più e soprattutto a rimanere più tempo davanti allo schermo. Ed è questo che interessa al fondatore di Facebook. Perché non è vero, come molti credono, che il social network viva di pubblicità. Il suo business sono il nostro tempo e i nostri dati che inseriamo volontariamente, spesso inconsapevoli del loro reale utilizzo.

Selezionando i contenuti che appaiono agli utenti, Facebook è in grado di condizionare i comportamenti di acquisto, ma potenzialmente anche politici, di due miliardi di persone. Un potere immenso se si pensa anche alla libertà di scelta dei contenuti: sul social le fake news, sottolinea l’autore, hanno lo stesso spazio e possibilità di diffusione delle notizie reali.

Ecco perché, auspica Mello, l’utilizzo di questi dati dovrebbe essere maggiormente disciplinato. In attesa di un improbabile intervento istituzionale, all’utente non resta che ritagliarsi fette di tempo bio: “vuol dire che posso connettermi, posso fotografare, aggiornare, filmare, ma che posso anche decidere di non farlo – spiega l’autore –. Il tempo bio è prezioso perché ci libera, almeno per un po’, dai disturbi più speciosi della iper-connessione”.

Insomma “Il lato oscuro di Facebook” insinua dubbi, pone domande ma dà anche risposte. Federico Mello ci svela – con un tempismo perfetto – in che modo e perché Facebook sfrutta le debolezze umane. Un libro ma soprattutto un saggio capace di far riflettere su come non possa più considerarsi “privata” la natura di un colosso che condiziona troppo il nostro tempo, il nostro stare insieme e il modo in cui vediamo il mondo.