Tg Diregiovani – Edizione del 09 aprile 2018

Nelle News: Cinemadays: da oggi a giovedì in sala a 3 euro-Terremoto di 6.1 in Giappone-Il sondaggio degli studenti dell’ Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo-Concerto del Primo Maggio di Roma: gli artisti confermati-Gli utenti di Instagram e Whatsapp boicottano Facebook

Nuova edizione del Tg Diregiovani 

Cinemadays: da oggi a giovedì in sala a 3 euro
Al via oggi la nuova iniziativa Cinemadays. Per 15 giorni, da aprile a ottobre, si va in sala al prezzo speciale di 3 euro. Fino a giovedì 12 aprile si terranno i primi 4 giorni di cinema. Sono oltre 2.000 le sale finora aderenti e su www.cinemadays.it potrete consultare l’elenco completo dei cinema partecipanti in ogni città.

Terremoto di 6.1 in Giappone
Un terremoto di magnitudo 6.1 ha colpito il Giappone Occidentale. L’epicentro nella città di Ohda, a 800 chilometri da Tokyo. Diverse le strade danneggiate e le abitazioni rimaste senza acqua e elettricità. Lievi, invece, i danni alle persone. Il sisma ha anche scosso la città di Izumo, dove si trova uno dei santuari shintoisti più importanti del Giappone.

Il sondaggio degli studenti dell’ Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo
Gli studenti dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo raccontano il loro stile di vita

Concerto del Primo Maggio di Roma: gli artisti confermati
Manca pochissimo all’attesissimo Concertone del Primo Maggio di Roma. L’evento – promosso da CGIL, CISL e UIL e organizzato da iCompany – vedrà la partecipazione di artisti del calibro di Max Gazzè, The Zen Circus, Mirkoeilcane e Le Vibrazioni. Sul palco anche Sfera Ebbasta, considerato un vero King della Trap music all’italiana. La lunga maratona musicale del Concerto sarà come sempre in diretta su Rai 3 e Radio2.

Gli utenti di Instagram e Whatsapp boicottano Facebook
Gli utenti di Whatsapp e Instagram boicottano Facebook. La protesta che ha preso il nome di ‘Faceblock’ è programmata per mercoledì 11 aprile e comporterà un blocco – facoltativo – di 24 ore. Gli utenti non utilizzeranno né Instagram né Whatsapp con l’intento di bloccare Facebook. Nata dallo scandalo di Cambridge Analytica, il boicottaggio ha lo scopo di incrementare gli strumenti che tutelino la privacy.