La guida sicura entra in aula per 10mila studenti della Campania

Premi e borse di studio per chi disegna e crea segnale stardale più originale

NAPOLI – Cento istituti, 400 scuole e oltre 10mila studenti della Campania hanno partecipato alla sesta edizione di “Sii Saggio, Guida Sicuro”, un progetto itinerante promosso dall’associazione Meridiani per educare i giovani delle scuole secondarie di primo e secondo grado al rispetto del codice della strada.

Il trentesimo e conclusivo evento di questa campagna sulla sicurezza stradale, che ha coinvolto tutte e 5 le province campane, si e’ svolto stamattina nella basilica di San Giovanni Maggiore, a Napoli, con il coinvolgimento di oltre 500 studenti del capoluogo partenopeo.

“Vogliamo lanciare un messaggio forte di sensibilizzazione perche’ andare su strada, da ciclista, da motociclista, da autista e perfino da pedone non e’ solo un diritto ma anche una responsabilita’ – ha spiegato all’agenzia Dire Alfonso Montella, presidente della commissione scientifica di Meridiani e professore di Sicurezza Stradale all’universita’ di Napoli, Federico II -. Quando siamo su strada, tutti noi possiamo essere una fonte di pericolo per l’altro. Per i piu’ giovani puo’ essere molto bello acquisire una nuova forma di indipendenza che pero’ comporta anche una grande responsabilita’. I giovanissimi non sempre lo capiscono, quindi occorre dire una parola in piu’ per sensibilizzare i nostri ragazzi”.

Tra gli elementi di novita’ della campagna Sii Saggio, Guida Sicuro di quest’anno c’e’ la tavola rotonda di questa mattina con 500 studenti di tutte le eta’, che ha visto il coinvolgimento, tra gli altri, anche del questore di Napoli, Antonio De Jesu, del rettore dell’universita’ Federico II, Gaetano Manfredi, della direttrice dell’ufficio scolastico regionale della Campania, Luisa Franzese, e dell’assessore comunale ai Giovani, Alessandra Clemente.

“Gli studenti sono coinvolti attivamente nella nostra campagna – ha aggiunto Montella – perche’ sono stati chiamati a partecipare a un concorso sui segnali stradali: i ragazzi disegnano il segnale e vi aggiungono una nota o un commento per spiegare cosa indica. Quindi, c’e’ un passaggio fondamentale perche’ gli studenti, che non sempre sono attivi nell’ascoltare, diventano loro stessi portatori di un messaggio agli amici e alle famiglie. Noi ci crediamo molto e siamo convinti che un’azione forte, portata avanti con il cuore e con l’impegno, possa portare a risultati incoraggianti”.

Il concorso di idee bandito dall’associazione Meridiani “Inventa un segnale stradale” scadra’ il prossimo 15 aprile mentre la premiazione si svolgera’ il prossimo 20 aprile in piazza del Plebiscito, a Napoli. Saranno assegnati 36 premi, tra cui 6 borse di studio per un corso d’inglese di un anno al British Institute, e 30 premi per i segnali stradali piu’ attrattivi, originali e positivi. “Abbiamo organizzato una grande festa per i ragazzi – ha commentato Alfonso Montella – con spiegazioni interattive sulla sicurezza stradale da parte delle forze dell’ordine, un villaggio sportivo del Coni, esibizioni come simulatori di volo e Lamborghini della polizia stradale e ‘pompieropoli’ con la consegna di un diploma per baby vigile del fuoco”.