Fabrizio Moro e Ultimo uniscono le forze in L'eternità (il mio quartiere)

Fabrizio Moro e Ultimo uniscono le forze: esce venerdì L’eternità (il mio quartiere)

Fabrizio Moro e Ultimo

ROMA – Fabrizio Moro e Ultimo uniscono le forze nel brano L’eternità (il mio quartiere), una nuova versione della canzone già pubblicata negli album di Moro “L’inizio” e (in versione riarrangiata e rimasterizzata) in “Parole Rumori e Anni”.

Fabrizio Moro e UltimoL’incontro tra i due cantautori, entrambi provenienti dallo stesso quartiere di Roma (San Basilio), avviene, la prima volta a maggio 2017 quando Ultimo viene invitato da Fabrizio ad aprire il suo concerto al Palalottomatica della Capitale. Da quel momento nasce un’amicizia e una stima reciproca. Dopo la vittoria di entrambi a Sanremo, Fabrizio e Niccolò hanno deciso, di rielaborare insieme L’eternità.

Nasce così la versione 2018 di questo pezzo, ribattezzato L’eternità (il mio quartiere), in radio e in digitale da venerdì 20 aprile.

“In fondo l’eternità per me, sei tu: è  questa l’espressione chiave di questo brano – racconta Fabrizio -. L’eternità è una parola lunga e larga e come questa non ne esistono tante, forse nessuna. Ognuno ne può dare la propria interpretazione a seconda di quello che sta vivendo. È una grandissima dichiarazione d’amore in tutto tondo con tutta la consapevolezza che ne deriva. In Ultimo rivedo me a 20 anni. Le stesse radici, la stessa rabbia, la stessa voglia di emergere. Lavorando insieme, ho avuto come la sensazione di poter trovare nuovamente un equilibrio con il mio passato”.

Ultimo: “Una vittoria aver partecipato a un brano di Fabrizio”

“Per me poter dire di aver partecipato ad un brano di Fabrizio, cantandolo insieme è già una vittoria – dice Ultimo -. Questo pezzo rappresenta la voglia di emergere e di durare per sempre. Quello che ho voluto fare nel testo, è descrivere l’eternità in ‘fotografie’. Tutte quelle piccole cose che poi vanno a formare la vita”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it