Dante ‘superstar’, a Ravenna un’invasione di studenti

Visite e flash mob sul sommo poeta

RAVENNA – Dante Alighieri, come una pop star, porta a Ravenna “un’invasione” di studenti delle scuole superiori di tutta Italia. Che per due giorni si sono incontrato in citta’ per visitare i principali luoghi danteschi e confrontarsi sulle opere del Sommo poeta insieme ai professori e ai loro colleghi piu’ grandi, del Dipartimento di Beni Culturali dell’Universita’ di Bologna.

La prima giornata, mercoledi’, organizzata dalla coordinatrice di Dante in Rete Manuela Mambelli, ha visto protagonisti gli studenti vincitori del concorso Dante in Rete, che si svolge da anni a Ravenna. Ieri ha visto invece tre momenti, coordinati da Sebastiana Nobili del gruppo Dante e Noi, che fa parte anche di Adi, l’Associazione italiana italianisti che riunisce docenti universitari e delle scuole superiori.

In mattinata l’appuntamento coi la presentazione dei progetti su Dante realizzati dalle varie scuole provenienti da tutta Italia. Nel primo pomeriggio, invece, gli studenti del Dipartimento di Beni culturali hanno fatto da ciceroni, accompagnando le classi in visita ai mosaici della citta’. Intanto, nella Biblioteca Classense i docenti hanno potuto confrontarsi sulla didattica dantesca, insieme allo studioso Alberto Casadei e al presidente Adi Gino Ruozzi. Tra gli argomenti di riflessione, l’opera di Dante come spunto per affrontare alcuni temi della storia d’Italia, dell’immaginario culturale, ma anche una piu’ consapevole educazione civica dei ragazzi. A conclusione, un flash mob sotto il sole di Piazza San Francesco, dove i ragazzi hanno recitato Dante alla presenza dell’assessore comunale alla Cultura Elsa Signorino e del sindaco Michele De Pascale. Un commiato, tutto dantesco, prima di ripartire verso casa.