"Sa sa prova", è di Tom Armati il singolo con più cover nella storia

“Sa sa prova”, è di Tom Armati il singolo con più cover nella storia

Roma – Si chiama Tom Armati ed il suo nuovo singolo “Sa sa prova”, nei digital store dal 10 maggio, nemmeno uscito è già il brano con più cover nella storia. Romano con un disco alle spalle, Nei migliori negozi di dischi (2015), Tom torna sulle scene con un video singolo no sense (selezionato tra i sessantotto finalisti del Festival di Sanremo), un vero e proprio antitormentone, una provocazione sulla musica attuale, “una canzone che non vuol dire niente, ma piace a tanta gente”.

Il videoclip ufficiale di “Sa sa prova”, in anteprima su instagram stories, è stato realizzato direttamente con uno smartphone attraverso filtri Snapchat e Instagram, simbolo del modo di comunicare al giorno d’oggi. Il protagonista, frame dopo frame, è lo stesso Tom Armati che ricopre il ruolo di vari personaggi attraverso filtri diversi utilizzati ad hoc. Un video che fa riflettere sulla ricerca ossessiva di avere maschere sempre nuove per provare a sfondare nel mondo della musica.
Ormai ad un cantautore interessa di più stare sui social oppure su un palco?

Tom Armati – Sa Sa Prova (Instagram Stories Video)

Chi conosce il cantante sa che la sua musica strizza l’occhio alla tradizione pop britannica, dove una sorniona consapevolezza nei testi si miscela abilmente a melodie che già al primo ascolto ti si appiccicano addosso. Quelle di Tom Armati sono canzoni che parlano di storie di tutti i giorni, caratterizzate da una forte tocco ironico condito con un pizzico di filosofia: fanno sorridere, ma sotto sotto (molto sotto) anche riflettere.

Dal vivo Tom Armati si accompagna con I Disarmati, il loro è un sound che mischia folk, funk e rock’n roll. La band al gran completo suonerà “Sa sa prova” e i brani di Nei migliori negozi di dischi domenica 13 maggio sul palco del club romano ‘Na Cosetta.

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it