#GF15, dichiarazione shock di Filippo: "I cani si educano a calci" - VIDEO

#GF15, dichiarazione shock di Filippo: “I cani si educano a calci” – VIDEO

ROMA – Nuove polemiche contro il Grande Fratello.
La quindicesima edizione del programma sarà ricordata come una delle più discusse nella storia del reality.
Dopo le accuse di violenza, bullismo e sessismo che hanno travolto  gli abitanti della casa (a due dei quali è costata la squalifica), si aggiunge quella di maltrattamenti sugli animali.
Nel mirino Filippo Contri, che ha spiegato agli altri concorrenti come ha educato il suo cane, un doberman.

“Checché ne dicano gli animalisti”,  i cani si educano a calci.
In base alle sue nozioni veterinarie, inoltre, “la coda va tagliata perché è troppo sottile e rischia di rompersi”.
Infine, ha parlato anche del taglio delle orecchie, ammettendo che è una questione estetica perché “con le orecchie tagliate il cane fa paura”.

 

Le parole di Filippo hanno scosso le associazioni animaliste (e gli amanti degli animali in generale).

“Trovo che il messaggio passato in televisione, in un programma di grande popolarità come questo, sia gravissimo e mi auguro che la conduttrice, Barbara D’Urso, che più volte si è dichiarata amante degli animali si dissoci in primis da queste affermazioni” afferma Piera Rosati – Presidente Nazionale LNDC. “Mi auguro inoltre che vengano presi dei seri provvedimenti nei confronti di questo concorrente; che ci piaccia o no queste persone hanno un forte seguito e non possono permettersi di divulgare concetti retrogradi e violenti. La violenza sugli animali è una piaga vera nel nostro Paese, non possiamo lasciare che venga promossa da un palco così importante”, conclude Rosati.

L’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) ha dato mandato al proprio ufficio legale di assumere ogni iniziativa utile e opportuna in merito alle parole pronunciate dal concorrente del Grande Fratello, Filippo Contri, il quale – davanti  a milioni di italiani – ha fatto una vera apologia dei reati contro gli animali e deve per questo essere squalificato. Contri,  infatti, non solo ha detto che per educare i quattro zampe è necessario prenderli a calci, il che è evidentemente maltrattamento, ma ha sottolineato l’opportunità di tagliare coda e orecchie ai doberman, è anche questo è maltrattamento. Attenzione, però, perché non si tratta né di facezie né di un pour parler: nell’uno e nell’altro caso si tratta di delitti puniti con la reclusione e un multa. Inoltre è bene ricordate che la caudotomia e la conchectomia – così si chiamano, rispettivamente, il taglio della coda e delle orecchie – possono essere praticate soltanto in presenza di patologie veterinarie e non per motivi estetici configurando altrimenti un reato”.

“Ogni giorno salviamo animali maltrattati e abusati e cerchiamo di sensibilizzare le persone a rispettarli”, scrive LAV su Facebook. “Per questo troviamo INACCETTABILE l’affermazione di un concorrente del Grande Fratello, che ha detto che il modo migliore per educare i cani sia “prenderli a calci” perché, tanto, “non sentono niente”. Al di là delle conseguenze legali di queste parole, che stiamo valutando con il nostro ufficio legale, cosa aspetta la trasmissione a prendere le distanze da queste gravi affermazioni e seri provvedimenti nei confronti del concorrente?”

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it