'Legger...mente', i libri strumento di indentità territoriale

‘Legger…mente’, i libri strumento di indentità territoriale

Il progetto dell’I.C. Garibaldi di Salemi

Salemi (Trapani) – Con un gioco di parole l’Istituto Comprensivo Garibaldi di Salemi, scuola associata all’Unesco, ha presentato la conclusione delle attivita’ sviluppate nel corso dell’anno scolastico, che sono state i contenuti dell’evento ‘Legger…mente, un anno di storie’.

Alla presenza delle autorita’ civili del territorio, la scuola ha aperto le porte alla cittadinanza in occasione del momento conclusivo, che ha permesso a tutti di vedere con i propri occhi il lavoro fatto, con la mostra fotografica ‘Terremoto Anno Zero’ e la rassegna ‘Memoriale 50esimo anniversario del terremoto del Belice’.

In programma ci sono state, anche, interpretazioni di brani e performance artistiche degli studenti. Obiettivo di tutte le attivita’ e’ stato quello di avvicinare gli studenti alla storia del proprio territorio, ripercorrendo i fatti principali, come il terremoto, attraverso le voci di chi li ha vissuti.

Un contatto diretto con i testimoni della realta’, per abituarli a comprendere meglio il presente e farli sentire radicati al territorio in cui si stanno formando. “La metodologia di lavoro e’ risultata efficace nella misura in cui ognuno si e’ sentito coinvolto in un segmento di racconto- ha dichiarato il dirigente scolastico Salvino Amico- Abbiamo lavorato con il supporto dei libri nella quotidianita’ didattica, per abituare i ragazzi alla lettura, principale strumento di conoscenza, non da subire ma da vivere e proporre”.

Le procedure sperimentate tracceranno il nuovo percorso, per il prossimo anno scolastico, che vedra’ la scuola di Salemi capofila nel progetto sulle nuove forme di tratta, nell’ambito del quale risultera’ fondamentale la ricerca e la raccolta di testimonianza a partire dall’incontro con l’altro. Nei banchi espositivi e’ stato possibile ammirare originali rivisitazione dei libri, manufatti realizzati con materiali riciclati, assaggi delle tipicita’ salemitane.

La scuola e’ stata fulcro di identita’ territoriale, di avvicinamento alla lettura, di valorizzazione dello strumento libri. Fondamentale e’ stato, anche, l’incontro con i professionisti della scrittura, gli autori Giosue’ Calaciura e Annamaria Piccione, e con Loredana Mancino, referente Libreria Modus Vivendi, che hanno risposto alle domande di docenti e ragazzi.