Storia dei miei lupi, un personaggio e un mondo difficile da dimenticare

Storia dei miei lupi, un personaggio e un mondo difficile da dimenticare

ROMA – Con l’estate che entra nel vivo, ognuno di noi si prepara al relax totale. Quale miglior modo allora di rilassarsi davanti a un libro? Per chi ama le storie da premio, nella propria libreria non può mancare Storia dei miei lupi di Emily Fridlund.

La trama

storia dei miei lupiTra i boschi, le paludi e gli inverni infiniti del Nord Minnesota, Linda Furston è una ragazzina guardinga e affamata come i lupi dei quali scrive – a sproposito – per una competizione scolastica.

Quando Patra, giovane madre con figlio piccolo al seguito, si trasferisce nella casa vicina alla sua, la perfetta solitudine che ammanta la vita di Linda comincia a sfaldarsi. Ma l’accogliente routine di quella che presto diventa la sua famiglia elettiva nasconde più di una crepa. Piccoli, inquietanti segnali alludono a un pericolo la cui esatta natura rimane celata alla vista. Un segreto, una ferita. Una minaccia che Linda, arruolata come babysitter e come complice, si scopre disposta a ignorare, e che, pagina dopo pagina, prende corpo sotto lo sguardo attonito del lettore.

Caso letterario da oltre cinquantamila copie negli Stati Uniti, acclamato dalla critica e finalista a sorpresa del prestigioso Man Booker Prize al fianco di grandi nomi come Paul Auster, George Saunders e Mohsin Hamid, Storia dei miei lupi disegna il ritratto di un personaggio e di un mondo difficili da dimenticare. Corrosi da un’oscurità tanto vasta e invincibile da diventare la nostra.

Autore Emily Fridlund
Editore DEA PLANETA
Genere Narrativa
Formato cartonato con sovraccoperta
Pagine 352
Data di uscita 17.04.2018


Emily Fridlund è cresciuta in Minnesota e attualmente risiede fuori New York. Ha un dottorato in letteratura e scrittura creativa. Questo è il suo primo romanzo, finalista del Man Booker Prize 2017.
 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it