Francia, divieto di balneazione per colpa di un delfino in calore

Francia, divieto di balneazione per colpa di un delfino “molestatore”

Un delfino fin troppo “curioso” quello che sta “molestando” i bagnanti di una spiaggia della Francia occidentale. Battezzato dai locali Zafar, il tursiope in calore è stato protagonista di alcuni episodi piuttosto scomodi che hanno spinto Roger Lars, sindaco di Landévennec, una cittadina marittima della Bretagna, ad emettere un divieto di balneazione e immersione per tutta l’area interessata fin quando sarà confermata la presenza del delfino.

Il delfino in calore

Zafar è un delfino lungo circa 3 metri diventato una piccola attrazione nei mesi scorsi nella baia di Brest.

La baia era diventata il luogo di ritrovo preferito dal delfino, che spesso si divertiva a giocare intorno alle barche e qualche volta permetteva ai bagnanti di nuotare con lui.

Ma, ultimamente, il comportamento di Zafar è cambiato. Il delfino ha iniziato a strofinarsi contro le persone e le barche, ha  sollevato una donna in aria con il suo naso e, in un altro caso, ha rifiutato di far tornare un nuotatore a riva.
Segnali questi secondo gli esperti di approcci sessuali.

E’ noto da tempo che i delfini sono animali che hanno rapporti sessuali ricreativi, ovvero fanno sesso per il piacere di farlo.

Tuttavia, è stato dimostrato anche in passato che questa energia sessuale delle volte viene indirizzata verso altre specie, esseri umani compresi.

Il comportamento di Zafar è naturale per un delfino è in calore.

Tuttavia, sebbene non sia stato troppo aggressivo, uno specialista di un acquario di Brest ha dichiarato alla BBC che il delfino potrebbe causare danni non intenzionali con la sua pinna caudale.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it