Non credo di essere interessata a lui. Dovrei parlargli?…

Salve,
vorrei un consiglio! Mi sto trovando in una situazione che mi crea non pochi disagi: tanto tempo fa conobbi un ragazzo con cui condividevamo una comitiva, solo che lui sin da subito ha dichiarato il suo interesse nei miei confronti. Io gli ho sempre mostrato indifferenza, non rispondevo ai suoi messaggi, sparivo nel nulla e poi ricomparivo, insomma, non mi sono mai comportata benissimo con lui. Gli ho anche detto chiaramente che per me non c’era motivo per cui io dovessi accettare un’uscita insieme a lui. Ma conoscete il detto “chi disprezza compra”? Ecco: solo quest’estate ho cominciato a guardarlo sotto una luce diversa e ho deciso di cominciare a frequentarlo perché mi sentivo interessata, presa, vedevo il suo interesse nei miei confronti e mi sentivo importante perché per una volta ho capito di essere una priorità per qualcuno. Il fatto è questo: lui ha detto ai suoi amici più stretti che stiamo insieme quando in realtà io volevo fare le cose con calma visto che in passato mi sono sempre buttata a capofitto sulle relazioni per poi pentirmene (mi stanco subito quando capisco che non è la persona giusta). Quindi mi sono ritrovata in una relazione quando io non volevo una relazione, o comunque non ancora. Inoltre una delle volte in cui siamo usciti mi ha anche chiesto di fare l’amore e la cosa mi ha messo ansia perché 1: non si chiede, 2: io non sono pronta per una vita sessuale. Inoltre sono anche confusa perché da un lato mi dà fastidio quando parla con le sue amiche, dall’altro lato sento che io gli voglio solo bene e che non ricambio il suo stesso sentimento. Ho paura di deluderlo e di ferire i suoi sentimenti, purtroppo sono fatta così, non tengo mai conto di quello che va bene per me solo per non ferire chi mi vuole bene. È successo in passato di aver ferito altre persone in questo modo sempre per questa mia mancata determinazione, dopo un mese ho capito che voglio stare da sola perché non penso che sia la persona giusta per me. Andiamo d’accordo, scherziamo allo stesso modo, abbiamo lo stesso senso dell’umorismo e ci capiamo, ma non credo che sia ciò che serve per capire di essere interessata a lui sentimentalmente parlando. Avete qualche consiglio? Dovrei parlargli di presenza? Ovviamente so che potrebbe esserci la possibilità di essere mandata a quel paese e di perdere anche la sua amicizia. Sono parecchio confusa, grazie in anticipo.

Anonima


Cara Anonima,
percepiamo una condizione di disorientamento e confusione la quale genera in te il “disagio” di cui ci parli.
Da una parte, scrivi di un interesse nei confronti di questo ragazzo e di un’esigenza di mantenere un rapporto esclusivo, espressa attraverso il sentimento di gelosia sperimentata quando parla con le sue amiche, dall’altra, il bisogno di definire ed allontanarti da questa relazione.
La riflessione che vogliamo suggerirti è quella di fare chiarezza su tale ambivalenza.
A volte i legami e le relazioni esclusive possono generare timori poiché stare in coppia significa far entrare nella propria dimensione individuale un’altra persona e questo non sempre è semplice.
A volte, risulta più facile dare un taglio e prendere delle distanze piuttosto che far fronte ai timori che possono emergere.
Ci scrivi della proposta di intimità ricevuta la quale ti ha suscitato preoccupazione; forse la pressione percepita ha fatto scattare in te una modalità difensiva?.
Ti chiediamo questo poiché ci parli di un’importante  sintonia a livello caratteriale che forse varrebbe la pena guardare con più attenzione.
In ogni caso, il confronto diretto, di persona, è sempre la migliore modalità per comprendere ed affrontare tematiche importanti come i rapporti amorosi ed amicali.
Anche un’eventuale separazione ha bisogno di essere vissuta in prima persona, proprio per comprendere al meglio i propri sentimenti ed accogliere quelli dell’altro.
Speriamo di verti fornito spunti di riflessione utili.

Un caro saluto!