Nuovo anno scolastico, Torino: i giovani rimettono al centro il tema della sicurezza

Torino: i giovani rimettono al centro il tema della sicurezza

La scuola SI-CURA, l’iniziativa di Acmos per l’inizio dell’anno

ROMA – “Agli studenti, agli insegnanti e a tutto il mondo scolastico vogliamo augurare buon anno scolastico rimettendo al centro la parola sicurezza che, per noi, significa memoria e corresponsabilita’. Memoria dei bambini di San Giuliano di Puglia, di Vito Scafidi e dei ragazzi della casa dello studente dell’Aquila”.

Cosi’ si legge nel comunicato diffuso dai giovani dell’associazione torinese Acmos, che questa notte hanno organizzato una originale iniziativa per l’avvio del nuovo anno scolastico. In decine di ingressi degli istituti della citta’, i ragazzi del progetto di formazione e sensibilizzazione Scu.Ter di Acmos hanno affisso un asterisco con qr code che rimanda ad una pagina web contenente un messaggio rivolto agli studenti, agli insegnanti e a tutto il mondo scolastico.

“La scuola SI-CURA e’ il titolo del documento, che sottolinea la necessita’ di rimettere al centro dell’agenda politica la parola sicurezza- prosegue il comunicato- insieme a voi vogliamo stimolare il dibattito pubblico partendo dalle prime azioni del nuovo governo: la chiusura di ItaliaSicura, struttura di missione composta da istituzioni e associazioni per la riqualifica dell’edilizia scolastica; lo stanziamento di 2,5 milioni di euro per l’installazione di telecamere; l’intensificazione dei controlli delle forze dell’ordine fuori dai cancelli delle scuole; l’impegno economico del ministero dell’Istruzione per la messa in sicurezza degli edifici scolastici”.

L’iniziativa rilancia la manifestazione del 22 novembre, Giornata nazionale sulla sicurezza scolastica, e si inserisce nell’ambito delle attivita’ promosse congiuntamente da Acmos e Fondazione Benvenuti in Italia sulla cultura della sicurezza nelle scuole e per la creazione di comunita’ scolastiche coese.