Al via nuovo anno scolastico nelle Marche, in 210mila tra i banchi

Al via nuovo anno scolastico nelle Marche, in 210mila tra i banchi

ROMA – Più di 210mila alunni per diecimila classi tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria. Sono questi i numeri del nuovo anno scolastico nelle Marche, inaugurato con un messaggio del direttore generale dell’ufficio scolastico regionale, Marco Ugo Filisetti: “Un nuovo anno scolastico comincia. Un inizio che coinvolge tutte le componenti del mondo della scuola. Un saluto, quindi, ai dirigenti, ai docenti e a tutto il personale, con l’augurio che in questo anno scolastico possano svolgere il loro lavoro con serenità e mettere a frutto e sviluppare tutta la loro professionalità, con la collaborazione protagonista delle famiglie degli studenti”.

Rispetto agli anni precedenti resta stabile, nelle Marche, la frequenza scolastica. Lieve calo per le province di Ancona, Macerata e Ascoli Piceno, che in quattro anni perdono circa duemila studenti ciascuna, mentre rimane invariata l’affluenza nella provincia di Pesaro Urbino. Ad essere colpita è soprattutto la scuola dell’infanzia, che dal 2015 ha visto ridursi il numero dei bambini da 35mila a 31.660, ma scende anche il numero degli studenti delle scuole superiori.

Ed è proprio ai ragazzi che il direttore generale Marco Ugo Filisetti rivolge il suo messaggio di auguri, invitandoli a investire le proprie potenzialità nella scuola: “A essi vogliamo dire: non sfuggite il vostro tempo, siate abili a prendere il passo di questo mondo che corre veloce, non cercate facili rifugi, non siate ‘gregge che corre al latrare di cani’, non consumate la vita sprecando il tempo prezioso su schermi elettronici o ‘fumando un pezzo di canapa’, ma siate coraggiosi come sola la gioventù sa esserlo, guardando con occhi impassibili tutte le difficoltà che il futuro pone davanti. E allora vivete pienamente questa età, consapevoli che il paese è attorno a voi, cammina con voi, sapendo che il domani appartiene a voi”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it