In Emilia Romagna tornati in classe 558.000 studenti

In Emilia Romagna tornati in classe 558.000 studenti

BOLOGNA – Sono tornati oggi in classe in Emilia-Romagna quasi 558.000 studenti. Al lavoro anche 321 dirigenti scolastici, oltre 56.000 insegnanti e 14.500 collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici impegnati nel sistema regionale.

Nel giorno della prima campanella, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha inaugurato questa mattina a Collecchio, in provincia di Parma, il complesso riqualificato che ospita la scuola elementare “Giuseppe Verdi”, ampliamento realizzato con un investimento complessivo di quasi 2,7 milioni di euro.

Taglio del nastro con il presidente anche a Mirandola, nel modenese, per il nuovo edificio dell’istituto “Galileo Galilei”: 52 aule e otto laboratori che valgono oltre 10,7 milioni.

“Investire sulla scuola significa investire sul futuro, e le strutture che oggi abbiamo visitato dimostrano che si può imparare e insegnare in spazi sempre più belli, sicuri e confortevoli”, ha detto Bonaccini. “Come Regione- ha aggiunto il presidente- continueremo a destinare risorse per le nostre scuole, su tutto il territorio, perché questa é stata e rimarrà una delle priorità del nostro mandato: è un diritto poter studiare in edifici belli e sicuri”.

Negli anni scolastici dal 2015 al 2018 la Regione ha erogato oltre 42 milioni di euro di contributi alle famiglie per interventi per il diritto allo studio scolastico. Le risorse sono andate a borse di studio scolastiche per 9 milioni e 587.000 euro e 12 milioni e 909.000 a contributi per i libri di testo. Al trasporto scolastico sono stati assegnati 10 milioni e 750.000 euro, mentre all’assistenza degli alunni disabili nelle scuole secondarie di secondo grado sono andati 8,8 milioni di euro.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it