Temptation Island Vip, tra Bettarini e Nicoletta è colpa dei sofficini

Temptation Island Vip, tra Bettarini e Nicoletta è colpa dei sofficini

ROMA – Anche la seconda puntata di Temptation Island Vip ha dato al pubblico una generosa dose di trash. 

Dopo l’uscita dal programma dell’imprenditore Fabio Esposito e la sua fidanzata Marcella, un’altra coppia si è seduta sul “tronco dell’amore” davanti a Simona Ventura. Per Stefano Bettarini e Nicoletta Larini si sono spente le telecamere di Temptation Island. La Larini ha richiesto il falò di confronto dopo aver visto numerosi video in cui il “Betta Nazionale” è apparso in ‘modalità Gianluca Vacchi’ in spiaggia. Gli ‘strusciamenti’ e gli ammiccamenti tra l’ex marito della Ventura e la bionda tentatrice hanno mandato fuori di testa Nicoletta. Ricordiamo che lei ha cambiato colore di capelli per il suo Stefano e questo lui non glielo doveva proprio fare.

Dalle cotolette di Valeria Marini ai sofficini di casa Bettarini. Stefano non si è presentato al primo falò di confronto richiesto da Nicoletta, ma lei non demorde ci riprova e gli chiede il secondo. Lui ha accettato di venire al secondo falò perché Nicoletta, secondo la sua opinione, è stata matura decidendo di non uscire da sola del programma per averle “dato buca” alla prima richiesta. In realtà Stefano avrebbe dovuto ringraziare Super Simo perché è stata lei a convincere – con molta molta molta pazienza – Nicoletta a non uscire dal programma. 

La furia di Nicoletta si è placata davanti agli occhioni dolci del suo Stefano. Davanti a quel fuoco lei ha finalmente riconosciuto la persona che ama (che non è quella apparsa nei video). Dall’ira alle lacrime. La disperazione sul volto della Larini hanno sciolto i dubbi di Stefano sulla maturità della sua dolce metà. Non sono bastate nemmeno le cene a casa a base di sofficini proposte da Nicoletta a troncare la relazione.

Davanti a tanto “spessore”, Super Simo se la ride…

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it