Giovani in Consiglio: da osservatori a protagonisti

BARI – Sono più di 150 le candidature inviate al Consiglio regionale della Puglia per partecipare al progetto ‘Giovani in Consiglio: da osservatori a protagonisti’ che si svilupperà negli anni 2018-2020. Questo successo “conferma – si legge nella nota – la validità della scelta fatta dal Consiglio regionale della Puglia, d’intesa con l’Ufficio scolastico regionale della Puglia, di attuare un progetto biennale che prevede la presenza, all’interno degli spazi istituzionali, di giovani delle ultime classi delle Scuole secondarie di secondo grado, per effettuare un percorso di cittadinanza attiva”.

Da parte sua l’istituzione consiliare dà la possibilità, a coloro che vogliono impegnarsi attivamente, di avere le informazioni e la formazione che potrebbero consentire di svolgere un ruolo centrale nella crescita di quella società che li vedrà, a breve termine, protagonisti. La scelta degli studenti ammessi al progetto avviene con regolari elezioni che si terranno nei singoli Istituti superiori del territorio pugliese entro il 31 ottobre 2018.

Obiettivo: coinvolgere in maniera capillare la popolazione scolastica e renderla partecipe di questa iniziativa che li coinvolge per la prima volta nella loro vita in un’esperienza di democrazia diretta. Saranno eletti 46 giovani, 2 per ogni ambito territoriale, come individuati dal decreto del Direttore generale dell’Usr Puglia n. 7152 del 12.04.2017, per ciascuna istituzione scolastica appartenente agli ambiti territoriali sono compresi nel medesimo ambito i plessi e le sedi e/o sezioni staccate di pertinenza, anche se collocate in comuni/ambiti diversi.

Hanno diritto al voto tutti gli studenti i giovani iscritti a tutte le classi degli istituti secondari di secondo grado, statali e paritari, del territorio pugliese. Si può esprimere una sola preferenza a favore di un candidato del proprio ambito territoriale. Per ogni informazione l’email è: comunicazione@consiglio.puglia.it

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it