Studenti e cittadinanza, scuola in prima linea

Studenti e cittadinanza, scuola in prima linea

Napoli – La scuola forma i cittadini di domani. Questo compito, particolarmente sentito dai docenti, trova riscontro anche in chi, un giorno, sarò protagonista del Paese, gli studenti.

Diregiovani.it ha raccolto le loro impressioni su cosa significhi essere cittadini e quale sia il ruolo della scuola nella formazione.

“Io penso che essere cittadini, significhi contribuire con le proprie capacità allo sviluppo del Paese” ci dice una studentessa della scuola media, citando inconsapevolmente la Costituzione Italiana, all’articolo 4.

Più pragmatica invece Diletta che frequenta la prima media: “Essere cittadini significa essere civili. Civili vuol dire no al razzismo, mantenere pulita la città e rispettare le regole della scuola che sono le regole di tutti”.

tutti sono però concordi sul fatto che è a scuola che si impara a stare in società ed essere buoni cittadini: “La scuola ci insegna a stare in gruppo, siamo tutti diversi e dobbiamo rispettarci. Per un futuro migliore per tutti”, sottolinea Fabio.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it