Cor Veleno FEAT. Giuliano Sangiorgi e Roy Paci in "Niente in Cambio"

Cor Veleno FEAT. Giuliano Sangiorgi e Roy Paci in "Niente in Cambio"

Il 26 ottobre è uscito "Lo Spirito che suona", un disco per ricordare l'amico e compagno Primo con la partecipazione di tanti amici artisti: da Danno a Coez

Roma – A pochi giorni dall’uscita dell’album “Lo Spirito che suona” esce il video di “Niente in cambio”, il nuovo singolo dei Cor Veleno feat Giuliano Sangiorgi e Roy Paci.

«Una ballata scritta tra noi e il nostro amico Giuliano Sangiorgi che ci è venuto a trovare. Avevamo questa musica e Giuliano, appena l’ha sentita in studio, ha tirato giù questo bridge che ci fa sognare, ogni volta che lo riascoltiamo.

Roy Paci lo ha sigillato con un solo sconfinato, fatto di note che scivolano nel cuore» 

“Lo Spirito che suona”  nasce dal desiderio dei Cor Veleno di rendere omaggio all’amico e compagno Primo e al suo talento prematuramente scomparso, in cui si conserva il testamento di un’intera generazione di rapper e si consacra la storia di un genere.

Il sound e le rime di Squarta e Grandi Numeri si arricchiscono delle voci e della collaborazione di vecchi e nuovi colleghi, musicisti e artisti quali DANNO, COEZ, GEMITAIZ, MEZZOSANGUE, JOHNNY MARSIGLIA, MADMAN, MARRACASH, GIULIANO SANGIORGI, ROY PACI, ADRIANO VITERBINI dei BUD SPENCER BLUES EXPLOSION.

L’album è stato anticipato lo scorso 27 aprile dall’uscita del singolo e video “Shut tha fuck up” e dal video del brano “Tutta la vita”.

I COR VELENO PARLANO DEL DISCO “LO SPIRITO CHE SUONA”

«Il filo conduttore che connette tutte le immagini di questo album è la Magia. La Magia della musica, che mostra la sua forza e dalla quale, tutti, non finiamo mai di imparare.

Circa un anno fa, quando abbiamo iniziato a dare forma a questo nuovo disco, i nostri cuori erano colmi di sentimenti contrastanti: da una parte la voglia di fare sentire, ancora una volta il talento puro di Primo, dall’altra fare i conti con la sua assenza. Lo ‘Spirito che suona del disco’, è per certi aspetti, il suo ultimo abbraccio alla musica, alla quale nella sua breve vita, ha dato tantissimo. E fare vibrare di nuovo questo amore, è stata la nostra stella polare, la nostra missione, ogni attimo passato in studio. Un disco doloroso, nel senso più stretto del termine, ma allo stesso tempo più autentico per questo. Abbiamo messo tutto ciò che avevamo, giorno dopo giorno. Tutto quello che una vita passata insieme ha lasciato impresso dentro. Il risultato di questa storia è tra le vostre mani.

Non finiremo mai di ringraziare tutti gli artisti che hanno voluto rendere omaggio, Giuliano Sangiorgi, Roy Paci, Coez, Gemitaiz, Marracash, Mezzosangue, Marsiglia, MadMan, i Bud Spencer Blues Explosion e tutti quelli che, per ragioni varie, non hanno fatto in tempo. Il vostro affetto ci è arrivato lo stesso. Adesso è il momento di celebrare ancora una volta lo Spirito che suona, la voce di chi è Primo a pieno titolo.

Buon ascolto»