È normale dopo la prima volta avere un ritardo? Sono esausta di ansia…

Ho un ciclo irregolare dall’età di 11 anni ma ciò nonostante nell’ultimo anno ho avuto le mestruazioni tutti i mesi anche se appunto irregolari. Il 20 ottobre ho avuto il mio primo rapporto protetto e con coito interrotto e il mio ragazzo mi ha assicurato che tutto fosse a posto. Visto il grande ritardo settimana scorsa ho fatto un test (di sera, spero sia lo stesso attendibile) ed è risultato negativo. Oggi 24 Novembre le mestruazioni non sono ancora arrivate ma ho dolori premestruali al ventre e fitte. È normale dopo la prima volta avere un ritardo? Sono esausta di quest’ansia

Anna


Cara Anna,
il ciclo può subire delle variazioni e delle fluttuazioni rispetto alla durata, quantità e data di arrivo, dovute a: stress, cambio di stagione, alimentazione, assunzione di farmaci e /o droghe, sbalzi ormonali, alterazioni del ciclo sonno-veglia, presenza di infezioni, ovaie multifollicari, cisti ma soprattutto se si è sottoposti ad un forte stress emotivo. Quando si verifica una situazione di stress vengono prodotti due ormoni il cortisolo e l’adrenalina che ci consentono di far fronte a una situazione di emergenza. Se la situazione si prolunga la reazione “ormonale” di allarme va ad influenzare l’ipotalamo, dove risiedono anche le strutture di controllo del ciclo mestruale. Ciò può causare un blocco dell’ovulazione, o un’alterata produzione del progesterone, per cui le mestruazioni possono presentarsi in anticipo, o ritardare, saltare completamente, o presentarsi con fenomeni di spotting, cioè perdite scarse e scure.
Magari chissà essendo i primi rapporti c’è sempre una grande agitazioni e tensione emotiva a volte manifesta a volte più latente ma che può incidere sull’organismo.
Il seno gonfio e dolorante, così come una forte tensione alle ovaie e al ventre potrebbero rientrare tra i sintomi premestruali.
Il test di gravidanza per essere attendibile deve essere effettuato sin dal primo giorno di ritardo oppure dopo 12/14 giorni dal presunto rapporto a rischio. Sarebbe preferibile farlo la mattina perchè c’è una maggiore concentrazione dell’ormone della gravidanza.
Immaginiamo che non debba essere così facile gestire queste ritardo continuo soprattutto ora che ti stai rapportando con la sfera sessuale.
Ma in questi anni hai mai effettuato una visita ginecologica che ti aiutasse a capire bene la causa di queste irregolarità?
Qualora non l’avessi fatta è importante avere un confronto con uno specialista che raccogliendo tutta la tua storia anamnestica potrebbe trovare una soluzione e farti vivere anche l’area dell’intimità in maniera più serena e sicura.
Torna a scrivere se ne avessi bisogno.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it