A Palermo le scuole dicono “no alla mafia sì all’educazione alla legalità”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMODialogo, accoglienza, solidarietà, trasparenza, legalità sono stati gli argomenti al centro del convegno svoltosi oggi al Palazzo dei Normanni di Palermo, sede dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Di fronte ad un pubblico di giovanissimi studenti provenienti da numerose scuole del palermitano, il Parlamento Internazionale della Legalità ha voluto dire sì alla vita e no alla corruzione premiando con riconoscimenti e attestati i ragazzi partecipanti che si sono distinti, attraverso il loro impegno ed i loro talenti, in ambito letterario, artistico, musicale, sportivo e di integrazione, cooperando e contribuendo allo sviluppo di una società sana.

Ad introdurre i lavori sono stati il presidente ed il vicepresidente del Parlamento della Legalità Internazionale, Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, in un momento d’eccezione in cui hanno voluto premiare l’impegno che parte dai banchi di scuola in un dialogo continuo con la società civile.

Durante l’incontro è stato siglato il protocollo d’intesa culturale tra il Parlamento della Legalità e la “Scuola Trasparente”, la campagna nazionale per sensibilizzare i giovani alla “trasparenza amministrativa e alla partecipazione ai processi decisionali della pubblica amministrazione partendo dalla scuola”. Un progetto promosso da Filippo Pompei, segretario nazionale dell’associazione culturale studentesca Finas- Future Is Now.

“La nostra associazione- ha spiegato Filippo Pompei- persegue scopi sociali ed educativi. Promuove campagne contro il bullismo e il cyber bullismo, promuove progetti sull’educazione alla parità di genere, alla educazione alla legalità, al diritto allo studio”.

A ricevere un ulteriore riconoscimento il direttore d’orchestra Nicola Guerini per la sua attività di divulgazione e promozione dell’Arte e della Bellezza attraverso i suoi progetti culturali ed artistici di rilevanza internazionale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it