Pavia, presentato progetto Soleterre 'Divise di Chiara'

Pavia, presentato progetto Soleterre ‘Divise di Chiara’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il sogno di Chiara si e’ avverato. Diciotto anni e aspirante stilista, Chiara e’ una giovane paziente del reparto di Oncoematologia pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia. Arrivata alla maggiore eta’ Chiara ha espresso il desiderio di iscriversi a una scuola di moda. Da questa passione nasce il progetto “Le divise di Chiara”, presentato ufficialmente questa mattina al Day hospital dell’ospedale dove ha trascorso tutti gli anni della sua vita sinora.

Alla cerimonia di consegna erano presenti, oltre a Chiara: Damiano Rizzi, presidente di Soleterre; Fausto Spadoni della Fondazione Maramotti; Giorgio Girelli, presidente del Policlinico San Matteo; Nunzio Del Sorbo, direttore generale del Policlinico San Matteo; Marco Zecca (direttore dell’Oncoematologia pediatrica; Antonio Urti, responsabile comunicazione e relazioni esterne; Giusy Grugnetti, direttrice del Sitra, servizio infermieristico e Piera Bergomi, responsabile di area pediatrica.

Il progetto, promosso da Fondazione Soleterre, “ha avuto come obiettivo quello di contribuire ad aiutare la piccola paziente Chiara a realizzare il suo sogno”, si legge nel comunicato diffuso dagli organizzatori.

Il risultato e’ stata la donazione al reparto di Oncoematologia pediatrica di Pavia di 104 divise a medici e infermieri e 100 magliette ai piccoli pazienti, disegnate da Chiara e realizzate grazie al contributo della Fondazione Giulia Maramotti, sostenuta dalle aziende del gruppo Max Mara.

“I bambini ricoverati avranno medici, infermieri e psicologi con nuove divise colorate, a significare che l’attenzione al bambino passa anche attraverso i dettagli. Sara’ uno dei reparti piu’ all’avanguardia anche nel modo di presentarsi, in modo accogliente e colorato. Chiara ha dimostrato a tutti noi che in ogni condizione e’ possibile realizzare un sogno credendoci anche se occorre tempo e anche se ci si deve fermare molte volte. L’importante e’ tenere sempre a mente la meta, il traguardo”. Cosi’ Damiano Rizzi, presidente di Soleterre. Il progetto si inserisce nel solco delle storiche attivita’ portate avanti dalla Fondazione Soleterre.

In particolare dal 2010 e’ stato avviato il Programma internazionale per l’Oncologia pediatrica (Piop), un intervento multidisciplinare attivo in cinque Paesi (Italia, Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda) che garantisce diagnosi accurate e tempestive, medicine antitumorali e attrezzature mediche, formazione ai medici e supporto psicologico a favore di oltre 10.000 beneficiari tra bambini malati, familiari e personale sanitario.

Leggi anche:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it