Durante l’ovulazione si può avere un rigonfiamento del seno?... 

Durante l’ovulazione si può avere un rigonfiamento del seno?… 

Grazie mille, sisi comunque non c’è stata penetrazione, ho parlato io di un tocco con, a questo punto, incerta (dato che prima sono avvenuti sfregamenti su lenzuola e come voi mi avete detto si secca in pochi secondi) presenza di liquido ..solo che è tre giorni che ho attacchi di ansia a riguardo, che non mi portano a fare nulla, nemmeno a studiare… sono in completa disperazione e non riesco a distogliere il pensiero! Mi dicono di stare tranquilla ma sarà perché leggendo su internet si trovano mille informazioni oppure perché questa è la prima volta che sto così male, che non riesco proprio a tranquillizzarmi. E il pensare che tale tensione influirà sulla durata del mio ciclo mi fa agitare ancora di più… mi sa che sono caduta in un circolo vizioso dell’ansia (creata da me) e non abbia la minima idea di come uscirne… insomma più ci penso e più sto male, ma non riesco a non pensarci!
Ultima domanda… durante l’ovulazione si può avere un rigonfiamento del seno senza dolore? Ah e ultimissima cosa: ho avuto un tre/quattro giorni di perdite ad albume (come devono essere durante il periodo dell’ovulazione), stanotte meno e adesso non le ho più, ho solo pochissimo muco appiccicoso: è normale?

Cristina


Cara Cristina,
hai perfettamente ragione il circolo dell’ansia è davvero malefico perchè una volta innescato ci si sente imprigionati, imponenti e si perde spesso il contatto con la realtà. Ti invitiamo a non leggere troppe cose su internet; cerca di selezionare uno o due siti che ti ispirano fiducia e fai riferimento prevalentemente a quelli. Questo perchè la troppa informazione, a volte, abbassa il livello della qualità delle notizie e, inoltre, crea confusione!
E hai perfettamente ragione il forte stress e la tensione emotiva influisce molto sull’andamento del ciclo attraverso ritardi, anticipi o episodi di spotting che tendono poi a sua volta ad incrementare il panico.
Da quello che ci hai raccontato non ci sono elementi che fanno presupporre rischi elevati. Per cui cerca di fare grandi respiri e cacciare tutte queste tensioni.
In merito alle altre tue domande, nella fase preovulatoria, quando gli estrogeni aumentano, si può notare un’aumentata secrezione di muco cervicale, che generalmente ha una consistenza prima gelatinosa, poi è opaco, poi sempre più limpido e filante fino ad assomigliare all’albume d’uovo. Questo cambiamento del muco vaginale è un’espediente che la natura ha messo in atto per facilitare l’ascesa degli spermatozoi verso l’ovulo della donna. Attraverso l’osservazione del muco vaginale è possibile capire se si è nel momento dell’ovulazione, infatti l’ultimo giorno della presenza di un muco liquido e filante è definito “giorno di massima fertilità”. Dopo l’ovulazione, quando le probabilità di rimanere incinta sono inferiori, le secrezioni vaginali diventano più appiccicose o possono scomparire del tutto. Inoltre durante la fase dell’ovulazione possono esserci oltre a fastidi e dolori al basso ventre anche tensione al seno,  proprio a causa delle oscillazioni ormonali. Non è detto che la tensione mammaria debba essere accompagnata dal dolore.
Speriamo di essere stati di aiuto!
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it