Campionati studenteschi, a Roma svelate città che ospiteranno finali

Campionati studenteschi, a Roma svelate città che ospiteranno finali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Grandi numeri per i Campionati studenteschi 2018-19, che vedono la partecipazione di 5.154 istituti secondari e, fino ad ora, 1.417.762 studenti. A presentarli il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, durante un evento a Roma al Miur a cui hanno preso parte, tra gli altri, anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, e il segretario generale Anci, Veronica Nicotra. Durante l’iniziativa sono state anche annunciate le città che ospiteranno le finali nazionali e mondiali.

Per le prime, a Gubbio (Pg) ci saranno le finali di corsa campestre (20-22 marzo), a Catania la danza sportiva (10-13 aprile), a Bari la pallavolo (7-11 maggio), a Terni il tennis da tavolo (13-16 maggio), a Giulianova (Te) il calcio a 5 (14-18 maggio), a Maracalagonis (CA) il badminton (20-24 maggio), a Treviso il basket 3×3 (27-30 maggio).

Mentre le città che ospiteranno le finali mondiali sono Castel di Sangro (Aq) per il tennis (2-9 giugno) e San Vito Lo Capo (Tp) per il beach volley (3-10 ottobre).

“L’attività motoria- ha detto Bussetti- è utile a combattere tante patologie e anche difficoltà relazionali che portano a fenomeni come il bullismo. Da oggi dobbiamo cambiare e fare qualcosa di più. Vogliamo dare dignità e forza ad un’attività utile per i nostri ragazzi. Vogliamo organizzare le nostre attività- ha aggiunto il ministro- e concluderle entro l’anno scolastico. Ho istituito una commissione che lavorerà per rendere migliore la nostra attività e vada incontro ai bisogni dei ragazzi e delle famiglie delle nostre scuole”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it