Blue Monday, ecco perché oggi è il giorno più triste dell’anno

Blue Monday, ecco perché oggi è il giorno più triste dell’anno

I consigli per affrontare al meglio il malumore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ogni terzo lunedì di gennaio il mondo deve affrontare il giorno più triste dell’anno.
Il “Blue Monday” è il risultato di un’equazione matematica elaborata da uno psicologo dell’università di Cardiff, Cliff Arnall.
Il calcolo tiene conto di parametri “universali” che possono condizionare l’umore come il meteo, il post-festività, i soldi spesi per i regali di Natale e molti altri fattori.
Ecco quindi che, nel 2019, il giorno più triste dell’anno cade proprio oggi, lunedì 21 gennaio.

Ovviamente, non vi è alcuna prova scientifica o statistica di quanto affermato dall’equazione.
Bufala o no, è vero che dopo il periodo natalizio è difficile tornare alla routine quotidiana.
Come uscire allora dal malumore?

Blue Monday: i consigli degli esperti

In Gran Bretagna, dove il Blue Monday è preso molto sul serio, gli esperti hanno stilato una lista di consigli per affrontare al meglio questa giornata “no”.

In primo luogo l’abbigliamento.

Bisogna sforzarsi di indossare colori brillanti. Banditi il nero, il marrone, il blu scuro e tutte e 50 le sfumature di grigio.
Si può optare per un bel verde, un rosso, un prugna, o un altro colore vivace in tono con la stagione invernale.

Da tenere conto il sorriso.

Anche se siamo di malumore, cerchiamo di essere cortesi e ben disposti con le persone.
Questo accorgimento non solo gioverà all’umore, ma distenderà le tensioni.

Un altro consiglio è fare un po’ di attività.

Il movimento fisico in questi è il miglior modo per scaricare lo stress accumulato.

In ultimo, ma non meno importante, il buon cibo.

Una tavola apparecchiata in modo ricercato, alimenti freschi e sani, aiuteranno sicuramente ad andare a dormire a cuor (e stomaco) leggero. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it