Non conGelateci il sorriso, il Sigep contro bullismo e odio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La comunita’ locale, le famiglie e la scuola fanno rete per la prevenzione del bullismo. Il 23 gennaio verra’ infatti presentato il ‘Manifesto per una comunicazione gentile’ al Sigep di Rimini, il salone internazionale della gelateria, pasticceria, panificazione artigianali e caffe’ di Italian Exhibition Group. Il ‘Manifesto per una comunicazione gentile’ contiene le 100 parole di rispetto e di amicizia, realizzato dai ragazzi che hanno pensato tante parole e atteggiamenti per creare un ponte verso gli altri, per comprendersi e farsi capire.

Educare al rispetto partendo dalle parole, e’ l’obiettivo di ‘Non conGelateci il sorriso’, un progetto che da dodici anni in molte scuole della provincia di Rimini vede scendere in campo un’intera comunita’: la scuola, l’ufficio scolastico, le gelaterie artigiane e le loro associazioni, il Sigep, il Comune di Rimini, il campus universitario e la Fondazione Francolini.

I ragazzi nel corso dell’anno hanno frequentato laboratori di educazione ai social media e d’improvvisazione teatrale: le 100 parole gentili raccolte saranno regalate nelle 37 gelaterie di ‘Assaggi di amicizia’, per essere ‘assaggiate’ insieme al buon gelato artigianale.

Le attivita’ didattiche del progetto iniziate nel mese di ottobre si sono concentrate soprattutto sul bullismo, sul cyber bullismo e l’odio in rete. I ragazzi hanno realizzato progetti attraverso video, improvvisazioni teatrali, canzoni e objet d’art. L’edizione 2018/19 ha visto la partecipazione di sei classi: la IIB delle scuole medie Fermi di Viserba, le classi VA e VB della scuola primaria Don Milani di Ospedaletto, le classi IC e IIIC della scuola media di Misano e la classe IIC della scuola media Alighieri di Rimini.

Nella mattina di mercoledi’ 23 si svolgera’ il workshop per i ragazzi dagli 11 ai 13 anni che hanno partecipato alla dodicesima edizione del progetto ‘Non congelateci in Sorriso’. In totale saranno 130 ragazzi e piu’ di 100 famiglie. I genitori infatti nell’ambito dei ‘caffe’ pedagogici’ si sono confrontati con esperti sul tema, a partire dall’uso dei social network.

“Il progetto nasce proprio per la fascia di eta’ in cui e’ piu’ frequente essere vittima di violenze fisiche e di attacchi attraverso la rete; ma anche l’eta’ nella quale e’ facile compiere atti di bullismo scambiandoli per una bravata”, spiega Primula Lucarelli, coordinatrice del progetto ‘Non conGelateci il Sorriso’. E aggiunge: “L’educazione, l’informazione, il dialogo con i genitori, la fiducia in figure adulte di riferimento restano le strategie principali per prevenire e per contrastare un fenomeno sociale grave”.

Nell’ultima giornata del Sigep, mercoledi’ 23 gennaio i ragazzi saranno protagonisti di numerose attivita’. L’inizio e’ previsto alle ore 9.30 con diverse attivita’ laboratoriali. Saranno presenti la presidente del consiglio comunale di Rimini Sara Donati, Gabriella De Girolamo brand manager Sigep e Martina Morotti, responsabile comunicazione e progetti speciali di MO.CA. Al termine, i ragazzi consegneranno alla presidente del consiglio comunale Sara Donati il ‘Manifesto per la comunicazione gentile’, per richiamare il valore del rispetto e dell’amicizia contro il bullismo e l’odio in rete.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it