​The Zen Circus​. Fuori l'8 febbraio "Vivi si muore 1999-2019"

​The Zen Circus​. Fuori l’8 febbraio “Vivi si muore 1999-2019”

La band in gara sul palco di Sanremo celebra venti anni di storia. La raccolta contiene 17 tracce e due inediti tra cui il brano “L'amore è una dittatura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Arrivano dalle scena indipendente e calcano per la prima volta, dopo venti anni di live, il palco dell’Ariston. Stiamo parlando di The Zen Circus, gruppo che proprio quest’anno festeggerà due decenni di storia con la raccolta “VIVI SI MUORE – 1999-2019”.
L’album, in uscita l’8 febbraio, contiene 17 tracce di storia Zen, rimasterizzate per l’occasione, e 2 inediti, tra cui il brano “L’amore è una dittatura”, in gara al Festival di Sanremo 2019 e “La Festa”.
Un disco perfetto non solo per una generazione cresciuta con la band ma anche per chi avrà modo di scoprire e conoscere Appino e il circo Zen durante la gara sul palco dell’Ariston.
Tra l’11 e il 14 febbraio The Zen Circus sarà a Milano, Bologna, Firenze e Roma per gli showcase di presentazione.
 
In questo inizio 2019 di novità e celebrazioni, è atteso anche il già annunciato concerto-evento al Paladozza di Bologna il prossimo 12 aprile, per festeggiare il decennale dell’uscita dell’album “Andate tutti affanculo” (2009), momento fondamentale e punto di svolta della carriera della band. Disco definito da Rolling Stone fra i migliori 100 album Italiani di tutti i tempi.
 
Oggi più che mai il gruppo si conferma come una certezza del rock indipendente Italiano, portabandiera indiscutibile della musica libera da vincoli: zero pose, zero hype, ma solo tanto, tanto sudore. Questa attitudine è stata premiata nel tempo da un pubblico affezionato e sempre più trans generazionale, che riempie ormai da anni i migliori club e festival del paese.
 
Sul sito della band è già possibile fare il preorder della raccolta e acquistare la prevendita del concerto al Paladozza.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it