I ragazzi di Amici 18 cercano supporto dal mondo dello spettacolo

I ragazzi di Amici 18 in protesta cercano supporto dal mondo dello spettacolo

Continua la protesta nella scuola di Maria De Filippi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nella scuola di Amici di Maria De Filippi continua la protesta degli allievi scoppiata dopo l’eliminazione del ballerino Marco Alimenti voluta dal prof Timor Steffens.

#FammiStudiare è l’hashtag lanciato dai ragazzi affinché gli insegnanti e il mondo dello spettacolo possano sostenere la loro “battaglia”. I giovani talenti hanno chiesto l’appoggio a nomi importanti del calibro di Marco Travaglio, Fiorella Mannoia e altri.

L’autrice, regista, sceneggiatrice e produttrice Marina Paterna è pronta in prima linea insieme agli altri colleghi per farsi portavoce della loro richiesta e risponde con un comunicato alla redazione: 

Per tutti i ragazzi della scuola di Amici. Sono una di voi. Credo nell’inviolabile e inalienabile Diritto allo studio. In accordo con il mio ufficio stampa, vogliamo darvi voce. Vengo come voi dalla gavetta, dallo studio. L’ho preteso per me stessa. Ho lavorato con grandi nomi come Tornatore, Geraldine Chaplin, figlia di Charlie Chaplin, Ficarra e Picone, Marco Risi, Pupi Avati, mio insegnante. Ho lavorato in qualità di  assistente alla regia nel video musicale di Fabrizio Moro nella canzone Pensa, con la quale vinse Sanremo e diventò  famoso. Eppure, quando tutti mi dicevano che ero già arrivata, che ce l’avevo fatta, io ero ancora ‘affamata’. Sapete cosa intendo vero? Ero sul set più importante della mia vita, Baaria di Giuseppe Tornatore e, terminato il film, ho deciso di mollare tutto. Perché? Per tornare a studiare. Ho lasciato la mia Sicilia, la mia famiglia, le mie certezze, i miei affetti che, nonostante tutto, non avevano mai smesso di supportarmi. Sono partita alla volta di Roma e non sono più tornata. Ho pianto per cinque lunghissimi anni, ogni notte, sentendomi sola. Chiedendomi se stessi  facendo la cosa giusta. Non avevo risposte, ma sentivo di dover andare avanti. E quando credevo di non farcela più, ricordavo un momento vissuto sul set, prima della mia decisione. Ricordo che continuavo a ripetermi come un mantra che, se milioni di persone stavano seguendo l’idea di un singolo uomo, per giunta siciliano come me, io dovevo credere solo ed esclusivamente nella forza delle mie idee. Dovevo mollare tutto e… ricominciare. Di nuovo. Se volevo essere e diventare una brava sceneggiatrice regista, se lo volevo veramente, dovevo istruirmi, formarmi ed imparare ancora. Lo dovevo al mio pubblico, lo dovevo a me, a chi come mio padre e mia madre aveva riconosciuto l’albore di un talento e lo aveva liberato. Mi avevano dato le chiavi del successo: la libertà di poter essere me stessa  e inseguire il mio sogno. Dovevo, quindi, solo ed esclusivamente studiare. Ancora. Sì, ancora. Ho 38 anni e ho un desiderio da realizzare. Sono il ponte tra il passato, il presente e il futuro. Voglio mettervi a disposizione il mio ufficio stampa. Voglio parlare di voi, di chi voi siete veramente. Dei vostri sogni, di quelli che vi hanno portato sin qui. Siete la generazione Z quella che capovolge i canoni. Quella a cui parlo io. Desidero darvi voce e farmi rappresentante dal basso di una causa fondamentale: il diritto inalienabile allo studio. In un mondo come quello dello Spettacolo in cui sono i grandi nomi a fare da apri pista, ho il desiderio di prendervi per mano e accompagnarvi anche io. Là dove loro per importanti impegni non possono esserci, voglio poter fare la lotta per voi e insieme a loro. Io sono certa che Maria De Filippi con la sua grande sensibilità e diplomazia capirà e apprezzerà la vostra richiesta”.

E conclude:

Non siete soli. Voi non state elemosinando, state chiedendo qualcosa di sacro. Qualcosa che vi fa onore. Credete nel poter dell’istruzione. Credeteci. Sempre. Convincete tutti. Gridatelo al mondo intero. È un vostro diritto. C’è chi vi ascolta già e chi vi ascolterà. E la gente, vedrete, si moltiplicherà. Ogni giorno sempre di più. Andate avanti con la vostra protesta, ogni giorno, con umiltà, testa dritta e spalle larghe. Mirate il vostro sogno, fatelo diventare il vostro unico obiettivo, quello per il quale vi alzate la mattina, quello che vi fa sognare l’impossibile. Disegnatelo, tracciatelo il vostro percorso, nutritevi di lui e prendetevene cura con lo studio, appunto. Non fermatevi. Vedrete, non vi deluderà. Quel sogno siete voi, sono i vostri sacrifici. Dovete solo credere che  tutto sia possibile. #fammistudiare, io lo scrivo insieme a voi. Se vorrete bussate alla mia porta, io vi aprirò. Con sincera stima, Marina Paterna”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it