Influencer, fake news e reputazione on line

Influencer, fake news e reputazione on line

Davide Turrini e Selvaggia Lucarelli parlano con studenti bolognesi di internet e giornalismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Come circolano le informazioni on line, che cosa significa scrivere per una grande testata, come la propria reputazione online concorre alla visibilità dell’azienda per cui si lavora. Influencer: come e perché?

Ieri pomeriggio a Bologna, nella cornice del Youngabout Film Festival, alcuni studenti del Minghetti e del Pacinotti ne hanno parlato con il giornalista Davide Turrini, che ha condiviso la propria esperienza in una redazione come quella del Fatto Quotidiano, ha proposto temi e animato un dibattito durato un paio d’ore.

Durante l’incontro sono intervenute in collegamento telefonico anche due sue colleghe, la social media manager del Fatto Quotidiano e niente po’ po’ di meno che Selvaggia Lucarelli. Ognuno ha condiviso le proprie personali conoscenze ed esperienze sulla comunicazione attraverso i social media, la visibilità online e le possibilità espressive che questi strumenti concedono, nel bene e nel male.

Bullismo, odio, insulti ma anche condivisione di esperienze intime e personali. Selvaggia Lucarelli ha spiegato come, nel suo caso, abbia deciso di parlare di bullismo prima di tutto per esperienza personale per poi scoprire che le stesse cose erano vissute da altre centinaia di persone, che le hanno scritto e tutt’ora le scrivono per condividere e ringraziare.

Conoscenza, competenza, informazione e preparazione, sono emersi in tutti i discorsi, configurandosi come elementi per costruire una solida e duratura reputazione, capace di giovare dal punto d vista economico e professionale per se stessi e per le persone con cui si lavora.

L’organizzazione di questo incontro rientra nel progetto Youngabout Film Festival, che prevede incontri con autori, registi e scrittori e attori, oltre a dibattiti a seguito delle quasi venti proiezioni. Youngabout International Film Festival, alla sua XIII edizione, è organizzato dall’associazione Un film nello zaino.

La rassegna si terrà a Bologna dal 18 al 30 marzo e porterà centinaia di studenti delle scuole primarie e secondarie al cinema per vedere film inediti, in lingua originale, selezionati proprio per affrontare con un pubblico di giovani e giovanissimi il tema dei diritti, della diversità culturale, della disabilità, della solidarietà, dell’integrazione e dell’inclusione sociale, dell’accoglienza, del coraggio e della sperimentazione.

Cos’è Youngabout


 

I consigli di Davide Turrini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it