"I giorni che scompaiono", il romanzo grafico di Timothé Le Boucher

“I giorni che scompaiono”, il romanzo grafico di Timothé Le Boucher

L'autore francese scrive una originale graphic novel sul tema dell'identità, riflettendo in modo inedito sulla dualità dell'essere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Il talento emergente francese Timothé Le Boucher sbarca in Italia grazie a Bao Publishing. Dal 7 febbraio arriva in libreria “I giorni che scompaiono”, una originale graphic novel, inquietante e straordinario, sul tema dell’identità. Un lavoro a fumetti che riflette in modo inedito sulla dualità dell’essere.

Un altro te sta prendendo metà della tua vita. Pian piano il tuo alter ego vive molti più giorni di te ogni mese, fino a farti domandare quando scomparirai del tutto. Come fermerai questo incubo? 

Lubin Maréchal ha una vita normale: commesso di un supermercato di giorno, acrobata in una piccola compagnia teatrale la sera. Fino al momento in cui non si accorge di svegliarsi solamente un giorno ogni due. Capisce piano piano che un’altra personalità sta vivendo metà della sua vita, metà del suo tempo, della sua esistenza. Cerca di comunicare con l’altro Lubin, di trovare un equilibrio, finché non inizia a svegliarsi ogni tre giorni, ogni quattro, una volta a settimana… Cosa gli sta succedendo? Quanto tempo gli resta prima di scomparire del tutto?

Una sceneggiatura coinvolgente in modo quasi soprannaturale, che pone domande scomode sull’identità, sulla dualità dell’essere e il rapporto tra corpo e spirito. Un graphic novel brillante che conferma il grande talento del giovane Timothé Le Boucher.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it