Docenti tedeschi imparano l'inclusione al Salvemini di Casalecchio

Docenti tedeschi imparano l’inclusione al Salvemini di Casalecchio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una delegazione tedesca affianchera’ i docenti di sostegno dell’ITC Salvemini per studiarne le buone pratiche di inclusione scolastica per gli studenti con disabilita’ e bisogni educativi speciali. Si tratta della dirigente scolastica Ulrike Steck e di 3 docenti con vari ruoli di coordinamento della Mornewegschule di Darmstadt.

Sono arrivati il 4 febbraio e rimarranno fino a sabato 9 per studiare il sistema di inclusione educativa dell’istituto bolognese. Dall’inizio di questo anno scolastico, infatti, i governi dei Länder (regioni federali tedesche, tra le cui competenze rientra la politica scolastica) hanno deciso che deve cessare la separazione degli studenti diversamente abili e che le scuole di ogni ordine e grado dovranno progressivamente includerli.

Questo perche’ fino a oggi in Germania gli studenti con disabilita’ sono stati inseriti non nelle scuole comuni ma nelle cosiddette “scuole speciali”, in cui seguivano un curriculum separato finalizzato allo sviluppo di autonomie in base ai bisogni specifici. E cosi’, nell’ambito di un progetto Erasmus+ di mobilita’ dello staff, di cui il Salvemini e’ partner, la delegazione tedesca, oltre ad affiancare i docenti di sostegno del Salvemini con il coordinamento della professoressa Maria Ghiddi in qualita’ di formatrice, hanno incontrato e incontreranno alcune realta’ istituzionali e associazioni per approfondire gli aspetti organizzativi, pedagogici e didattici delle pratiche inclusive che sono diffuse in Italia da diversi decenni.

Lunedi’ sono stati all’ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna con la dirigente Chiara Brescianini e le referenti Rita Fabrizio e Teresa Proia. Poi all’ufficio integrazione presso l’Ufficio V con la responsabile Mara Baraldi e la referente Maria Grazia Pancaldi per conoscere il ruolo svolto dal CTS (Centro Territoriale di Supporto). Martedi’ mattina presso il Comune di Bologna, hanno invece dialogato con Elena Iacucci, responsabile qualificazione e sviluppo del sistema formativo integrato e Sandro Bastia, responsabile della programmazione dell’offerta formativa e supporto al sistema scolastico cittadino. Poi al Centro di Documentazione Handicap di Bologna e all’Associazione d’Idee, hanno partecipato ad un laboratorio sulle autonomie.

E infine sabato la delegazione visitera’ la Casa della Salute di Casalecchio di Reno. Qui, con il coordinamento di Monica Macchia, parteciperanno a un laboratorio progettato dall’ITC Salvemini con il contributo della Fondazione del Monte nell’ambito della progettazione Insieme nella scuola. Un workshop artistico di decorazione tenuto da un gruppo di studenti con disabilita’ affiancati da studenti del corso serale in modalita’ peer to peer.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it