Genova, alla media Caffaro una settimana speciale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Una settimana che vale”. Questo il motto che accompagnerà, da oggi a venerdì 15 febbraio, gli studenti della scuola media Caffaro dell’IC Certosa di Genova. Si sospende la didattica tradizionale per vivere cinque giorni intensi di incontri, laboratori e testimonianze speciali che coinvolgono gli alunni dell’istituto comprensivo di Certosa, fuori e dentro la scuola. Tanti i temi quanto variegato l’impegno richiesto ai ragazzi.

Come spiega alla Dire la vicepreside Roberta Silvestri, responsabile degli eventi, “l’idea iniziale di questo progetto è nata sette anni fa quando è arrivato l’attuale dirigente, il professore Renzo Ballantini. Io ho proposto di unificare in una settimana una serie di interventi un po’ speciali. Negli anni abbiamo ampliato i nostri contatti per arricchire la settimana. Ormai la rete è abbastanza ampia e tutti rispondono con solerzia, benché sia tutto gratuito. Questo perché la nostra intenzione è fare educazione ai valori: legalità, cyberbullismo, l’anno scorso l’accoglienza dei migranti. Cerchiamo di fare cittadinanza in senso lato, per incoraggiare i nostri studenti a essere cittadini attivi e consapevoli. E i ragazzi reagiscono con entusiasmo”.

Da oggi quindi hanno iniziato a susseguirsi momenti di sensibilizzazione e informazione, come ad esempio quelli di educazione alla legalità e contro la mafia o quelli di educazione stradale. “Nella prima giornata – racconta la vicepreside Silvestri – abbiamo incontrato l’Aci per un progetto sulla sicurezza sulle due ruote, dato che i nostri ragazzi girano molto il quartiere in bicicletta, e poi le classi terze hanno parlato di mafie con il prof. Carbone Presidente Movimento Agende Rosse Gruppo Genova”. Incontri che stanno già dando frutti, ha confessato soddisfatta la professoressa Silvestri: “Abbiamo pensato che ci attiveremo per tenere una agenda, una sorta di diario di classe, in cui segnare i nostri pensieri. Anche perché spesso poi questi nostri progetti li regaliamo, come abbiamo fatto anni fa con un cd sulla Costituzione che abbiamo donato all’Anpi di Bolzaneto”.

Domani, invece, gli studenti parteciperanno ad alcuni eventi di formazione, come quelli sui pericoli della rete con le forze dell’ordine, e quelli sulla Grande Guerra con volontari della locale sezione di Protezione Civile. Il calendario è poi ricco di appuntamenti all’insegna del gioco e dell’esercizio. Precisa infatti la Silvestri: “Per farli divertire già dallo scorso anno abbiamo inserito anche un corso di reggaeton con uno youtuber, Jordan, nostro ex studente. Sentiste la musica che rimbomba in tutta la scuola”. E poi il panathlon, divertente ma utile anche a riflettere su sport e disabilita’: “I ragazzi fanno un’ora di teoria e un’ora di pratica con atleti affetti da disabilità, talvolta anche con campioni paraolimpici. Proprio per fare esperienza diretta, una volta per esempio abbiamo bendato i ragazzi e abbiamo fatto seguire loro un percorso in palestra, in questo caso quindi come se fossero non vedenti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it