La NASA spegne Opportunity. Il rover marziano è "morto"

La NASA spegne Opportunity. Il rover marziano è “morto”

Il rover, da 15 anni su Marte, ha smesso di comunicare con la Terra dal giugno del 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gli oltre 800 tentativi di riportarlo in vita non sono serviti: Opportunity è ufficialmente morto.
Lo ha annunciato la NASA nella conferenza stampa organizzata ieri sera al Jet Propulsion Laboratory (JPL) a Pasadena, California.

Il rover, da 15 anni su Marte, ha smesso di comunicare con la Terra dal giugno del 2018, quando una forte tempesta di sabbia si è abbattuta nei pressi della sua posizione sul Pianeta Rosso.
Dopo più di 800 tentativi per ripristinare i contatti, gli ingegneri dello Space Flight Operations Facility del Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL), hanno provato un’ultima volta martedì 12 febbraio, senza successo.
La missione Opportunity è, dunque, ufficialmente terminata.

Il rover marziano è stato una delle più grandi soddisfazioni per la NASA. Basti pensare che la sua doveva essere una missione di poco più di 90 giorni, trasformatasi in 15 anni di scoperte pionieristiche e risultati da record.

Opportunity su Marte

Il 25 gennaio 2004, il team del progetto Mars Exploration Rover della NASA ha incrociato le dita e trattenuto il fiato per quella che si sarebbe rivelata la più longeva missione su Marte.
Dopo essere sopravvissuto con successo ai “7 minuti di terrore” nell’atmosfera marziana, MER-B, aka Opportunity, atterrò sulla superficie del Pianeta Rosso.
Terzo rover terrestre inviato su Marte, preceduto di tre settimane dal gemello Spirit e di circa 6 anni e mezzo da Sojourner, Opportunity può vantare un ricco repertorio di successi che hanno rivoluzionato la nostra conoscenza del pianeta rosso.

Ecco 5 imperdibili curiosità su Opportunity

Il gemello Spirit

La missione Mars Exploration Rovers comprendeva due rover identici: Spirit e Opportunity. Spirit è atterrato a Gusev Crater il 4 gennaio 2004. Opportunity è atterrato sul lato opposto di Marte, a Meridiani Planum, il 25 gennaio 2004. Spirit è stato più sfortunato. La sua missione è stata terminata nel 2011, dopo un anno di silenzio radio.

Opportunity da record

Progettato per durare solo 90 giorni marziani (Sol) e percorrere massimo 1 km,  Opportunity ha ampiamente superato tutte le aspettative in termini di resistenza, valore scientifico e longevità. Non solo ha superato la sua aspettativa di vita di 60 volte (oltre 5000 sol), ma il rover ha anche percorso più di 45 chilometri, diventando l’oggetto terrestre ad aver fatto più chilometri su un corpo extraterrestre (il primato apparteneva al rover Lunokhod 2 lanciato dall’Unione Sovietica nel 1973 che percorse 37 km sulla Luna).

Vita su Marte

 

Opportunity e il suo gemello Spirit sono stati i primi rover a dimostrare che Marte era più umido e più caldo in passato, condizioni che lo rendevano un pianeta abitabile adatto alla vita.

Meteorite alieno

Durante la sua esplorazione di Marte nel 2005, Opportunity si è imbattuto in una roccia delle dimensioni di una palla da basket, composta di ferro e nichel. E’ stato il primo meteorite mai scoperto su un altro mondo.

La bellezza di Marte

Le immagini più memorabili prese da Opportunity hanno rivelato la bellezza ultraterrena di Marte e le difficoltà della sua esplorazione. Nei suoi anni trascorsi sul pianeta rosso, Opportunity ha raccolto 217,594 immagini.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it