Monte Everest: la Cina chiude il campo base ai turisti

La causa risiede nell'eccessiva quantità di rifiuti abbandonati dai viaggiatori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il monte Everest chiude i battenti causa rifiuti. La notizia che ha dell’incredibile, arriva dalla Bbc. Stando a quanto riportato dall’emittente televisiva, la Cina ha chiuso ai turisti il campo base in Tibet consentendo così l’accesso solo a chi possiede il permesso per scalare la montagna.

Purtroppo, la quantità di rifiuti lasciata dai visitatori (comprese feci umane), è diventata così ingestibile da portare alla chiusura del campo base cinese. Questa zona infatti, situata a circa 5.200 metri di altitudine, è raggiungibile in auto e questo comporta un’elevata affluenza di turisti: gli ultimi dati utili, quelli del 2015, parlano di circa 50mila visitatori all’anno.

Altra situazione invece, per il campo base nepalese che, essendo raggiungibile solo dopo diversi giorni di camminata, è frequentato solamente da escursionisti e alpinisti. Al momento, tutti i curiosi sprovvisti di permesso provenienti dal versante cinese, dovranno fermarsi al monastero Rongbuck situato a 5000 metri di quota, 200 metri prima del campo base. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it