Tg Scuola edizione del 22 febbraio 2019

Tg Scuola – edizione del 22 febbraio 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Capitano Ultimo: “La legalità si costruisce insieme”
Il volto è coperto ma gli occhi sono senza maschera, e incrociano con sincerità gli sguardi giovani dei ragazzi dell’istituto Einaudi di Roma. Il Colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, noto con il nome di ‘battaglia’ di Capitano Ultimo, li ha incontrati nell’aula magna della scuola romana. Un’ora di dibattito iniziato con le domande da parte dei ragazzi, che spaziano dalle curiosità sull’arresto di Totò Riina fino alle indiscrezioni sulla sua vita privata e sulle scelte che lo hanno portato ad intraprendere una carriera difficile. “Ho scelto di chiamarmi Ultimo, perché il valore del nome si costruisce da se’ e la dignità si conquista con l’esempio” ha detto il Colonnello che ai ragazzi ha ricordato: “Dovete fare vostri i problemi del territorio, non aspettare che qualcuno li risolva per voi, la legalità si costruisce, non e’ un dono, e per combattere la criminalità l’unica strada è partecipare”.

Il musicista Sal Da Vinci a Scampia
Sorpresa per i giovani studenti dell’istituto comprensivo Alpi Levi di Scampia. Durante le ore di lezione il cantante internazionale Sal da Vinci ha incontrato gli studenti della scuola ed è stato nominato dall’istituto ‘coach portatore di valori per i ragazzi’. “Ci tengo particolarmente ad essere qui perché Scampia sembra sempre un posto lontano dal mondo. Una nota di colore nelle notizie di cronaca, ma Scampia è molto di più, basta guardavi”, ha detto Sal da Vinci alla giovane platea. Il cantante si è esibito nell’aula magna della scuola, coinvolgendo ragazzi e docenti, trasformando la visita in un vero e proprio concerto.

“Verso una scuola che promuove salute”
Una proposta educativa continuativa – e non una nuova materia – che ha l’obiettivo di “promuovere la salute” tra i ragazzi. È quanto prevede l’intesa tra il ministero della Salute e il Miur, rinnovata per la terza volta dai ministri Giulia Grillo e Marco Bussetti. L’intesa vuole dare una consapevolezza agli studenti degli istituti di ogni ordine e grado sui corretti stili di vita e quindi, ha spiegato la ministra Grillo, “sul consumo dell’alcol, di tabacco e sul gioco d’azzardo”. Tutte le scuole potranno affrontare, con le modalità ritenute più idonee, i reali bisogni educativi di ogni singolo studente, monitorando l’intero processo educativo. La scuola, “deve occuparsi di tutti gli aspetti utili per migliorare la consapevolezza dei nostri ragazzi” ha aggiunto Bussetti.

I giovani inventano il futuro
Gli inventori di domani siedono oggi tra i banchi di scuola. Ed è proprio a loro che è dedicato il progetto #5G4School, un programma di orientamento e formazione promosso dalla Fondazione Lars Magnum Ericsson e Fondazione Mondo Digitale per portare le nuove tecnologie digitali nella scuola. I due partner hanno incontrato gli studenti dell’istituto Croce Aleramo di Roma, che assieme all’istituto Feltrinelli di Milano sarà protagonista di un percorso didattico rivoluzionario. Duecento i ragazzi coinvolti nel progetto, che hanno assistito ad una lezione sul 5g, la nuova tecnologia che legherà oggetti, dati e persone per portare benefici nel contesto quotidiano.


Dalle scuole

 
IC Stanziale di San Giorgio a Cremano
Al via il progetto dedicato al cinema con due laboratori dedicati al giornalismo cinematografico e alla realizzazione di un audioviso.

Istituto Giordano di Venafro
Partito il progetto di educazione cinematografica dedicato al rapporto tra cinema e giornalismo.

Liceo Primo Levi di San Donato Milanese
Gli studenti si sono aggiudicati il Thumbs Up Youth Award, il premio che ha coinvolto sei aziende e 400 studenti per elaborare un progetto innovativo e all’avanguardia.

Istituto Caterina da Siena di Milano
Gli studenti hanno realizzato la sfilata di moda ‘Collezioni. Percorsi e dialoghi tra le memorie di casa Boschi Di Stefano’.

Liceo Fermi di Bologna
Prosegue e si rafforza il percorso di formazione ‘Più uguali che diversi’ promosso dall’istituto insieme a l’associazione Arca di Noè e il servizio protezione rifugiati dell’ASP Città di Bologna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it