La scrittrice Murgia ai ragazzi: "Femminismo battaglia di tutti"

La scrittrice Murgia ai ragazzi: “Femminismo battaglia di tutti”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un incontro che ha sconfinato ben oltre la letteratura, quello che si è tenuto stamattina al liceo Copernico di Bologna, dove gli studenti hanno interrogato la scrittrice Michela Murgia sul suo ultimo libro, ‘L’inferno è una buona memoria’, e tanti altri temi. Dai romanzi harmony alle autrici della sua formazione, dal femminismo di oggi e di ieri al maschilismo di ogni epoca. Ma anche la fede, il corpo, la malattia, i social network, l’amore e i personaggi della letteratura da re Artù ai cavalieri jedi.

Tante le domande che i giovani hanno rivolto alla scrittrice, che ha risposto con entusiasmo, cogliendo l’occasione per approfondire alcune tematiche, come i diritti delle donne. “Anche per un uomo che si espone arriva una violenza da cui o impari a difenderti oppure taci- ha detto ai ragazzi- il mio consiglio è di imparare a difendervi, perché abbiamo bisogno di uomini accanto che lottino insieme a noi in questa battaglia. Una battaglia di giustizia che è una battaglia di tutti”. Allo scadere delle due ore sia l’autrice che i ragazzi avevano ancora tante cose da dirsi.

L’incontro rientra in un ciclo di appuntamenti organizzati in collaborazione con l’associazione ‘Rapsodia’, che organizza eventi per mettere in contatto autori e giovani studenti, in modo tale che siano questi ultimi i conduttori e protagonisti del dibattito. Prima dell’incontro Michela Murgia è stata intervistata da un gruppo di alunni che ha partecipato al progetto di alternanza scuola lavoro con i giornalisti di diregiovani.it.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it