Rimini, studenti del Marco Polo studiano patrimonio architettonico

Alternanza scuola-lavoro alla scoperta degli edifici inutilizzati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – È iniziato ieri mattina il progetto didattico di alternanza scuola-lavoro sul patrimonio culturale-locale promosso dal Miur, intitolato ‘Io vivo nel bene! E tu?’. Frutto della convenzione siglata tra il comune di Rimini e l’istituto tecnico statale per il turismo ‘Marco Polo’, il progetto coinvolgerà le classi del triennio della scuola proponendo la scoperta e la valorizzazione del patrimonio culturale locale.

I ragazzi incontreranno i tecnici del settore Edilizia Pubblica e Qualità Urbana del comune, per conoscere la ricchezza delle strutture, collocate sul litorale di Marebello e che formano un patrimonio che non viene utilizzato. In particolare l’edificio in cui è ubicato l’istituto scolastico: l’ex colonia Alessandro Mussolini denominata Colonia Forlivese risalente al 1930.

Un’iniziativa pensata proprio per i futuri operatori turistici, che avranno l’occasione di capire quante di queste strutture sono ancora vitali, quali verranno restaurate e l’importanza di salvaguardare la memoria architettonica e le peculiarità del territorio. Si tratta di un progetto che rientra in un percorso intrapreso da tempo dall’amministrazione comunale, in quanto impegnata nella promozione di iniziative per la valorizzazione e la riqualificazione di immobili sottoposti a tutela storico architettonica.

Per gli studenti sarà un’occasione per mettere in campo competenze trasversali durante i sopralluoghi, gli incontri, nella ricerca di materiale documentale, nei rapporti con gli uffici, i musei, la biblioteca civica e le associazioni culturali. Un sistema di relazioni pensato per creare e proporre strategie di valorizzazione urbana del quartiere tramite le proposte e gli spunti operativi che emergeranno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it