Ghali libera tutti, online il video di "I love you"

Ghali libera tutti, online il video di “I love you”

Da un'idea dello stesso rapper
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ad un anno da Cara Italia, Ghali torna con I Love You, presentato giovedì all’interno del carcere di San Vittore a Milano e cantato per la prima volta live ieri sera  davanti a 80 mila persone prima di Milan – Inter allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro. Da oggi è online il videoclip ufficiale elaborato dallo stesso Ghali. Alla regia Tiziano Russo, mentre la produzione esecutiva è di Passo Uno. 

Partendo dal presupposto che “ci sia un essere umano sia sotto la divisa che sotto il passamontagna”, Ghali racconta, attingendo dalla sua storia personale, che si può e si deve imparare ad amare non solo famigliari e amici, ma anche coloro che ci appaiono come estranei. L’amore e la speranza conferiscono autentiche occasioni per cambiare e migliore indipendentemente dai luoghi e dalle circostanze.

Lo stesso pensiero traspare delle immagini del videoclip girate presso il Museo del Carcere “Le nuove” di Torino. Il video inizia con due ragazzi che lanciano un aereoplanino di carta, con una lettera, all’interno delle mura del carcere.

Le immagini sono il desiderio di superare i limiti metaforici e fisici del “noi” e del “loro”, il tentativo di avvicinarsi al prossimo riconoscendo nella sua diversità un punto di vicinanza; il bisogno di amore e speranza.

L’idea di Ghali è provare a raccontare una realtà profondamente diversa dalla nostra quotidianità dove però gli slanci e i bisogni dell’individuo restano immutati. L’aereoplanino è un aprirsi, un abbraccio, una volontà di dialogo e l’amore è un sentimento che non può essere arginato neanche dalle mura di una cella.

Altro ruolo fondamentale nel videoclip è giocato dalla natura che, come nella copertina del singolo, è presente e rappresenta una speranza di rinascita e rifioritura. Mentre i detenuti all’interno del carcere immaginario cantano e ballano, la vegetazione si infittisce proprio per raccontare, con una sorta di realismo magico, la persistenza della speranza in grado di crescere anche fra gli spiragli del cemento.

Il testo 

Io lo so che tu sei in sbatti forever 
Ma tutto andrà di bene fidati my friend 
yeah 
E se Dio non c’è sette giorni su seven 
Vedrai che verrà con noi questo weekend 
wuo 

E vengo in discoteca come gli Alcazar 
Sboccio ma non bevo sono in Ramadan 
Ho 40 ladroni come Ali Babà

 

C’è chi canta insieme una sirena 
C’è chi balla dentro a una galera 
Dove è sempre mezzanotte 
Tu lo sai che sei il mio brother 
Vorrei dirti tante cose 
Urlo forte 

I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 

 
Ti voglio bene, vorrei volerti better 
I love you, te quiero, bahebak, je t’aime 
Si muore da soli, si vive together (gang, gang, gang) 
E a che serve il sangue, la guerra e la haine? 
Yeah, yeah, yeah 
 

Ti sento come se non ci fossero muri 
Mi sento come se non avessi più dubbi 
Ti mando un pezzo, premi play 
Metti le cuffie e fuggi 
Sto arrivando da te 
Ghali libera tutti 

Non moriamo mai, non moriamo mai 
Neanche se fai pom pom 
L’effetto che fai, l’effetto che fai 
Mi manda nel vuoto 
Dove è sempre mezzanotte 
Tu lo sai che sei mio brother 
Vorrei dirti tante cose 
Urlo forte 

I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 

Ho qualcosa da farti sentire 
Connettimi al bluetooth 
E c’ho un mare di problemi 
Dai, vieni a fartici un tuffo 
Sto ballando da ieri 
Soltanto per chiedere aiuto agli UFO 
Aiuto 

I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you 
I love you

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it