A un metro da te, malattia e distanza: l'amore oltre il contatto fisico

A un metro da te, malattia e distanza: l’amore oltre il contatto fisico

Dal 21 marzo al cinema con Notorious Pictures
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si può amare così tanto una persona restando da questa a un metro di distanza? La riposta è sì. Lo mostrano Will (Cole Sprouse) e Stella (Haley Lu Richardson) nel film A un metro da te, diretto da Justin Baldoni e tratto dall’omonimo romanzo scritto da Rachael Lippincott insieme a Mikki Daughtry e Tobias Iaconis.

Struggente, romantico, coraggioso e maturo: A un metro da te è un pugno nello stomaco che ha come protagonisti due teen star talentuose, espressive e credibili nel loro ruolo. Insomma, in questo film bucano lo schermo.

La pellicola racconta la storia di due giovani malati di fibrosi cistica che si innamorano a prima vista, ma a causa della loro malattia devono mantenersi ad una distanza minima di un metro. Il film racconta senza essere banale e ‘smielato’ il potere dell’amore che lotta contro il tempo e lo spazio. Will e Stella, con una stecca del biliardo e schermi digitali, reinventano le basi dell’innamoramento attraverso cui i due ragazzi scoprono il senso della propria forza, esorcizzano la morte e se la malattia gli ruba anni di vita, loro tolgono qualche centimetro in più dalla distanza di sicurezza che devono mantenere per stare più vicini.

A un metro da te, l’invasione di Disney Channel

Vi ricordate di Rico il bambino ricchissimo proprietario del chiosco sulla spiaggia nella serie per teen Hannah Montana e di Cody uno dei due gemelli protagonisti di Zack e Cody al Grand Hotel? Loro sono nel cast di ‘A un metro da te’. Il primo è Moisés Arias e nel film interpreta Poe, il migliore amico di Stella. Il secondo, invece, è Cole Sprouse e nel film, come abbiamo già scritto, è Will.

Il film arriva il 21 marzo al cinema: non scordate i fazzoletti a casa, vi serviranno! 😭😭😭

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it