Retape. Filo Vals, all'Auditorium lo showcase del nuovo album

Retape. Filo Vals, all’Auditorium lo showcase del nuovo album

Giovane, romano e di casa a Londra, le sue canzoni fanno il giro del web e del mondo. Sul palco del Teatro Studio suonerà in anteprima molti brani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – L’Auditorium spalanca le porte a Filo Vals, artista romano e cittadino del mondo che la sera del 20 marzo porterà le sue canzoni sul palco del Teatro Studio Gianni Borgna. L’occasione per scoprirlo è l’ennesimo regalo di “Retape Lab”, rassegna curata da Ernesto Assante che ospita le nuove leve della scena “romana”. Eppure Filippo Valsecchi si sente già da un po’ e ha dalla sua una fan base di livello internazionale. È Mr World il primo singolo con cui si è affacciato nel mondo della musica e con cui è arrivato alla BBC e in colossi radiofonici come Radio 105, Subasio e Monte-Carlo. Non è un caso che il brano dalle sonorità un po’ indie rock e un po’ reggae sia diventato il jingle per lanciare la nuova Ford Fiesta e abbia suonato nella colonna sonora del film “Chi m’ha visto” di Beppe Fiorello.
Cresciuto nella capitale con chitarra e pianoforte sempre a portata di mano, Filo Vals si è nutrito dei grandi classici: da Bob Dylan ai Rolling Stones, da Bob Marley a Lucio Dalla. Diciotenne si è trasferito nel Regno Unito, è lì che ha studia​to​ Economia con Filosofia e Politica alla Exeter University​ e dove​ ha approfondito le sue ambizioni creative.
Dopo Mr World, Filo Vals ha pubblicato altri tre singoli, Just Guessin’, Dance e Prima del Caffè, tutti scritti e composti da lui e prodotti da Dani Castelar.
I brani, ricevuti benissimo dal pubblico, finiscono in Classifica Viral Spotify in Italia, Austria e Polonia e in Classifica Itunes in Spagna rafforzando così una fanbase europea e internazionale.
Regista di tutti i suoi video, Filippo partecipa attivamente alla registrazione e produzione delle canzoni.  Di recente ha fondato la Papaya Records, la sua etichetta discografica che vede la collaborazione di Dani Castelar, noto per il suo lavoro con Paolo Nutini, REM e Snow Patrol.  

Salire sul palco dell’Auditorium è per lui un onore:

«Suonare in un posto dove tante volte sono stato spettatore è emozionante. Trovo che Retape sia una manifestazione geniale, è una rassegna che permette agli emergenti e ai giovani artisti di arrivare su un grande palco. La scena romana esiste, la ascoltiamo nelle radio e la sentiamo in streaming e l’Auditorium le dà voce. Ma a Roma potrebbe succedere molto di più. C’è una discrepanza tra quello che succede al livello artistico e gli spazi a disposizione. Secondo la mia esperienza personale le opportunità di visibilità sono paradossalmente maggiori a Milano, è lì che ci sono le major e le grandi radio. Retape fa bene agli artisti, alla musica, alla gente e alla città, è un bene che esista. Il mio grande grazie va ad Ernesto Assante che ne è l’ideatore, bisogna augurarsi che presto anche altri prendano spunto da lui e da questa bella iniziativa».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it