MIAMI 2019. Fuori i nomi del Festival della Musica e dei Baci

MIAMI 2019. Fuori i nomi del Festival della Musica e dei Baci

Appuntamento il 24 - 25 e 26 maggio al Circolo Magnolia. Giorgio Poi, Mahmood, Franco126 e Motta tra gli artisti in cartellone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Un anno dopo il sold out della quattordicesima edizione, parte il conto alla rovescia per la nuova edizione del MI AMI Festival – Il Festival della Musica e dei Baci organizzato dall’agenzia creativa Better Days e Rockit.it. Una line-up di tre giorni ambiziosa e coraggiosa (dal 24 al 26 maggio presso il Circolo Magnolia) che conferma il festival a tutti gli effetti come evento imprescindibile per la (nuova) musica italiana. Amor Vincit Omnia è il tema svelato, per questo 2019, durante la preview a luci purple MI AMI XXX del 15 marzo. Una rivisitazione dell’Omnia Vincit Amor di Virgilio ma anche la citazione di un quadro del Caravaggio. E per chi puntasse il dito tutto è chiarito nel comunicato: «In quest’epoca di algoritmi esatti è anche l’errore a renderci umani, perché solo chi non vive non sbaglia mai. Perché poi c’è l’Amore, lo sapete, ve lo diciamo da 15 anni, che è il nostro fuoco, la nostra forza, il nostro inno alla vita, che vince su tutto, anche sui nostri vostri loro umanissimi errori, da sempre e per sempre».

Tra i primissimi nomi annunciatiche si esibiranno al MI AMI Festival 2019: il cantautore Giorgio Poi dopo un fortunatissimo anno che lo ha visto in apertura del tour dei Phoenix e l’uscita del suo nuovo disco Smog; Mahmood, l’artista urban vincitore di Sanremo che ha scelto il  MI AMI con teatro del suo primo live a Milano; le melodie cantautorali di Franco126, al suo esordio da solista con Stanza singola; l’atteso ritorno sui palchi del festival, a cinque anni di distanza,  dei perugini Fast Animals and Slow Kids; lo stile unico e personale del cantautorato di Motta; la provocatoria e controversa Myss Keta, vera e propria femme fatale della musica italiana che porterà il suo ultimo lavoro Paprika; il debutto live della next big thing del rap italiano, Massimo Pericolo; i Sick Tamburo, che celebrano i loro 10 anni di attività con il nuovo album Paura e l’amore, in arrivo il 5 aprile; il rap di due maestri di spicco della scena rap italiana come Nitro e Ensi; lo storico produttore rap Bassi Maestro che presenta il suo nuovo progetto funk North Of Loreto; l’itpop di Clavdio, Fulminacci, Eugenio in via di Gioia e Dutch Nazari; la classe cantautorale di Riccardo Sinigallia e Dimartino, autori dei due più bei dischi degli ultimi 12 mesi; il super gruppo I hate my village di Ferrari (Verdena), Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) e Rondanini (Afterhours, Calibro35); o ancora le soffici melodie elettroniche dei Malihini dell’attrice Thony. Altri importanti nomi verranno annunciati presto e completeranno l’incredibile line up dell’edizione 2019. 

L’autore del manifesto della 15ma edizione è Andrea De Luca, giovane illustratore fiorentino con il suo stile da incisore digitale del XXI secolo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it