IDA MAE. Il duo inglese che sta conquistando l’America

Il primo disco di Chris Turpin e Stephanie Jean uscirà a giugno, intanto il nuovo singolo ‘Reaching’ sta facendo il giro del mondo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – Si affaccia nel panorama della musica internazionale il duo inglese degli IDA MAE. Chris Turpin e Stephanie Jean sono giovani e promettono benissimo, suonano un blues rock dallo spirito folk in cui si sentono le influenze della produzione più classica americana ma anche di quella più contemporanea. La stampa inglese li ha definiti come un mix contemporaneo di White Stripes, Civil Wars e XX.
‘Chasing Lights’ è il disco d’esordio che uscirà il 7 giugno per Vow Road Records e Thirty Tigers ed è anticipato dal nuovo singolo ‘Reaching’.

Gli Ida Mae pubblicano singoli dal 2017, se volete potete andarvi a cercare ‘If You Don’t Love Me’, ‘My Girls Is a Heartbreak’ e ‘Feel Them Getting Closer’. L’America è già dalla loro: sia Blackberry Smoke che Greta Van Fleet hanno insistito per portarli in tour ed aprire i loro concerti nei principali teatri americani.

«Volevamo fare qualcosa di semplice, onesto e vero – racconta Chris Turpin, metà del duo Ida Mae – Volevamo fare un disco a modo nostro, senza compromessi».

La forza degli IDA MAE è nella magia sprigionata dalle voci di Chris e Stephanie e la sensazione di profonda intimità che trasmettono i testi e le loro composizioni. La chimica del duo sul palco è perfetta, non si tratta di pose artefatte ma di relazione totale con il pubblico.

Il duo arriva da Norwich, Inghilterra, e nasce dall’esperienza della band Kill It Kid, protagonisti di splendide pagine recenti della scena indie rock della terra d’albione. Nel 2018 hanno vissuto a Nashville e aperto gli show di Kings of Leon, Marcu King Band, Blackberry Smoke e Greta Van Fleet.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it