‘I want to break free’: uno spot per dire stop alla violenza

ROMA – Una ragazza tenta di coprirsi con il trucco i segni dei maltrattamenti subiti. Poi, d’improvviso, abbandona il tentativo, esce di casa e va a denunciare le violenze, mentre scorrono le parole di ‘I want to break free’ dei Queen. È lo spot dei ragazzi della IVB del liceo scientifico Socrate di Roma, vincitore […]

ROMA – Una ragazza tenta di coprirsi con il trucco i segni dei maltrattamenti subiti. Poi, d’improvviso, abbandona il tentativo, esce di casa e va a denunciare le violenze, mentre scorrono le parole di ‘I want to break free’ dei Queen. È lo spot dei ragazzi della IVB del liceo scientifico Socrate di Roma, vincitore del concorso ‘Uno spot per il telefono rosa’, che ha visto competere 850 ragazzi delle scuole superiori del Lazio.

“È stata una loro idea, realizzata completamente da loro e girata con uno smartphone- racconta alla Dire la professoressa Raffaella Montesano- non hanno fatto tutto da soli e girato lo spot a casa di un ragazzo, senza l’intervento dei docenti”.

Gli studenti, coinvolti in un progetto di alternanza scuola lavoro, sono diventati attori, registi e sceneggiatori per sensibilizzare ed educare i più giovani alla cultura della non violenza.

2019-04-05T10:56:54+02:00